Terapia Tecar a cosa serve?

by

Oggi vogliamo dare una risposta alla domanda: Terapia Tecar a cosa serve! A quali disturbi pone rimedio? Che cos’è, quali vantaggi offre, è efficace? A queste e ad altre domande risponderemo in questo articolo che vi spiegherà i pro e i contro di questo trattamento!

Terapia Tecar a cosa serve, cos’è, dove farla, a chi è rivolta?

A cosa serve la Tecarterapia? La Tecarterapia è un doppio trattamento che combina le terapie manuali classiche con l’applicazione di correnti elettriche, che aumentano la temperatura in alcune aree del corpo, a scopo preventivo o curativo.

Questo trattamento è in grado di accelerare i processi rigenerativi naturali dell’organismo e in particolare le riparazioni cellulari, inoltre è in grado di ridurre il dolore con il vantaggio di velocizzare il recupero dal trauma o dalla problematica che ha colpito il corpo.

La Tecarterapia ha quindi un ampio spettro d’azione grazie a tre effetti che produce nel corpo:

  • Analgesico attraverso l’azione svolta sulle terminazioni nervose.
  • Drenante dei tessuti.
  • Stimola il circolo periferico, mediante l’aumento della temperatura endogena.

Questo significa che è possibile trattare:

Lividi e distorsioniRiabilitazione post-operatoriaTraumi sportivi
Disturbi muscolari e tendineiNeuropatieTessuto cicatriziale
Patologie della colonna vertebrale e delle articolazioni periferichePatologie del sistema vascolare e linfaticoDisturbi ortopedici del sistema nervoso periferico
Riabilitazione del pavimento pelvicoDolore acuto e cronicoTecarterapia

Utilizzi estetici della Tecarterapia

La Tecarterapia viene utilizzata anche per scopi estetici con ottimi risultati, in tempi rapidi! La capacità di indurre una riattivazione dei sistemi linfatico e circolatorio, aumentando l’apporto sanguigno e quindi una migliore ossigenazione delle cellule, è una metodica efficace nella cura, ad esempio del linfedema, della cellulite, nella cura del viso , nella prevenzione e più in generale per alleviare i segni dell’invecchiamento del viso. Inoltre spesso i trattamenti con la Tecarterapia sono abbinati al post intervento estetico, esempio rinoplastica, liposuzione.

La Tecarterapia viene utilizzata anche per ridurre gli accumuli di grasso. In Questo contesto la Tecar terapia dimostra di essere efficace andando ad eliminare l’eccesso di grasso e restituendo una silhouette più snella.

Come funziona la Tecarterapia?

Terapia Tecar a cosa serve?

Il nome di Tecarterapia deriva dall’acronimo Tecar, derivato dalla definizione di trasferimento elettrico capacitivo e resistivo. I dispositivi di Tecarterapia hanno due elettrodi: uno resistivo e uno capacitivo; da qui il suo nome.

Il sistema resistivo “si concentra su quei tessuti con maggiore resistenza come ossa, articolazioni o tendini, nonché su aree fibrotiche o croniche”, mentre il sistema capacitivo “si concentra sulle aree sottocutanee sotto l’elettrodo”. Il corpo umano è un conduttore elettrico quindi lo possiamo paragonare ad un impedenza. La parte resistiva del corpo è costituita dalle parti più dure con un contenuto di liquido inferiore, come ossa, cartilagine, articolazioni e i tendini principali. Quando si applica la corrente con la Tecarterapia a una parte del corpo umano, equivale ad applicare la corrente Tecar a un circuito elettrico costituito da una resistenza e un condensatore in parallelo.

La corrente Tecar è bipolare e può funzionare:

  • In modalità Resistiva, la corrente a frequenza più bassa fluisce attraverso le parti resistive del corpo (ossa, legamenti, tendini importanti ecc.). La modalità resistiva concentra l’energia principalmente sui tessuti duri, come articolazioni, legamenti, tendini e ossa.
  • In modalità Capacitivo, la corrente a frequenza più alta fluisce principalmente attraverso le parti capacitive del corpo umano (muscoli, ecc.). La modalità Capacitive concentra l’energia principalmente sui tessuti molli come muscoli e aree ad alto contenuto di liquidi.

Gli effetti della Tecarterapia! Terapia Tecar a cosa serve?

Gli effetti della Tecarterapia innescano un aumento della temperatura nel corpo e più precisamente nei distretti colpiti da grasso localizzato. L’aumento di temperatura arriva a riscaldare la parte a circa a 37/38 ° C per 45 minuti. I risultati non tardano a vedersi, infatti a causa della temperatura i trigliceridi si convertono in glicerolo, ovvero energia utile.

L’aumento locale della temperatura corporea e della microcircolazione stimolante, facilita la lipolisi, innescando l’enzima che converte i trigliceridi in acidi grassi e glicerolo (una sostanza “utile”) che, una volta prodotta disponibile per il corpo nel flusso sanguigno, raggiunge il fegato e fornisce “energia pronta”, mantenendo alto livelli di glucosio nel sangue (gluconeogenesi, GNG) e permettendo al corpo di bruciare le sue riserve di grasso più rapidamente.

Effetti della Tecarterapia!

Una cellula ossigenata agisce positivamente su tutto il metabolismo endocellulare e conseguentemente stimola le potenzialità rigenerative delle cellule stesse. L’aumentata circolazione linfatica della zona trattata, migliora e quindi favorisce lo smaltimento dei cataboliti tossici, primi fra tutti i radicali liberi.

Il trattamento di Tecarterapia corrisponde anche ad un incremento endogeno della temperatura nella zona trattata, con conseguente:

  • Incremento del metabolismo endocellulare.
  • Stimolazione del turnover biologico endocellulare.
  • Aumento dell’ossigenazione e della nutrizione tissutale.
  • Aumento del drenaggio linfatico.
  • Velocizzazione dei meccanismi di smaltimento dei prodotti tossici.

I vantaggi della Tecarterapia:

  • EFFICACE. Nel campo della fisioterapia, la Tecarterapia ha ampiamente dimostrato la sua efficacia su patologie complesse.
  • VELOCE. I risultati sono visibili dalla prima sessione e sono stabilizzati con tre o cinque sessioni.
  • SOSTENIBILE. L’effetto desiderato è duraturo mantenendo una sessione ogni mese.
  • CONFORTEVOLE. Una sessione è completamente non invasiva e indolore per il paziente. Invece, il trattamento è estremamente piacevole.

Effetti collaterali e controindicazioni

Sebbene non siano molte le controindicazioni e la Tecar sia è sicura e non invasiva alcune persone con determinate caratteristiche non possono utilizzarla, nello specifico parliamo di:

  • Donne in gravidanza.
  • Patologie oncologiche.
  • Portatori di pacemaker.

Da valutare a seconda del paziente:

  • Epilessia.
  • Infezioni.
  • Patologie dermatologiche
  • Lesioni cutanee.
  • Gravi malattie sistemiche.
  • Terapia anticoagulante.
  • Presenza di protesi artificiali o corpi metallici.

Gli effetti collaterali

La Tecarterapia non ha particolari controindicazioni oltre a quelle citate in precedenza; se il trattamento è eseguito correttamente. Se il fisioterapista non conosce la metodica, potrebbero verificarsi delle ustioni ma è un caso molto raro visto che c’è un costante dialogo tra paziente e fisioterapista. Molto spesso si possono verificare dei gonfiori, a causa di una criticità nel drenaggio linfatico. Spesso i pazienti riferiscono un aumento dei fastidi, specialmente se si interviene su articolazioni infiammate o appena operate ma generalmente sono momentanei.  

Conclusioni

Terapia Tecar a cosa serve? Speriamo di aver chiarito meglio le idee sulla Tecar Terapia e i suoi utilizzi. I dati ci suggeriscono che la Tecarterapia è una delle opzioni migliori per ottenere risultati evidenti e duraturi. Se siete curiosi di scoprire tutti i trattamenti che possiamo mettere a vostra disposizioni o avete dubbi o domande da chiarire, noi ci siamo. Potete contattarci direttamente o inoltrarci una mail con le vostre richieste, faremo il possibile darvi le risposte che cercate.

Chiama la Dott.ssa Devecchi 3939054502 per maggiori informazioni

Telefono
Whatsapp
Email