Riabilitazione del pavimento pelvico cicatrici interne da parto/intervento

by

Il parto è un evento di trasformazione nella vita di una donna. L’inizio della maternità presenta una serie unica di sfide fisiche, emotive e psicologiche. In questo contesto oggi ci occuperemo dell’argomento riabilitazione del pavimento pelvico cicatrici interne da parto/intervento.

Riabilitazione del pavimento pelvico cicatrici interne da parto/intervento

La nascita da un parto naturale di un bambino comporta sempre un trauma al pavimento pelvico. I muscoli del pavimento pelvico vengono allungati, tesi e spesso strappati durante il parto. Dopo circa 6 settimane dal parto, alla maggior parte delle donne viene detto dal proprio medico che possono riprendere le normali attività di routine. Senza un’adeguata riabilitazione dei muscoli pelvici però, le nuove mamme possono sviluppare incontinenza urinaria, lombalgia, prolasso degli organi pelvici, dolore con i rapporti sessuali e altro ancora.

La fisioterapia un aiuto prima durante e dopo!

La fisioterapia del pavimento pelvico è specialità della fisioterapia che si occupa del trattamento dei muscoli del pavimento pelvico. Ciò comporta la valutazione / trattamento dei muscoli con palpazione vaginale e / o rettale interna. Un fisioterapista pavimento pelvico appositamente addestrato può lavorare con voi per preparare il pavimento pelvico per travaglio e il parto e anche di riabilitare questi muscoli dopo la nascita.

Ginnastica prenatale

Riabilitazione del pavimento pelvico cicatrici interne da parto/intervento

Si concentra sulla preparazione del pavimento pelvico per l’arrivo del bambino, evitando o limitare il danno! Prima della nascita del bambino, il peso posizionato sul pavimento pelvico continua ad aumentare durante la gravidanza. Un fisioterapista può aiutare a rafforzare il pavimento pelvico per prevenire problemi comuni durante la gravidanza. Questi includono incontinenza urinaria, lombalgia, aumento della pressione pelvica e altro ancora. 

Preparazione al parto

Con l’avvicinarsi della fine della gravidanza, l’attenzione di un fisioterapista si concentra sull’allungamento dei muscoli del pavimento pelvico lavorando sul massaggio perineale. Vengono fornite anche istruzione sulle posizioni ottimali di lavoro e per il parto, manovre pratiche per aiutare ad alleviare il disagio durante il travaglio e anche come spingere quando il bambino è prossimo a nascere.

Parto naturale o Cesareo?

L’importanza della ginnastica del pavimento pelvico è ininfluente per la tipologia di parto, perché è molto utile in entrambi i casi. Generalmente all’inizio della gravidanza non si sa come verrà alla luce il nascituro, per certi è una scelta, per altri è una necessità dettata dalla situazione. A prescindere da come verrà al mondo vostro figlio, fare ginnastica pavimento pelvico porta sempre dei vantaggi:

  • Riduce il mal di schiena.
  • Facilita la costipazione.
  • Può ridurre il rischio di diabete gestazionale, preeclampsia e parto cesareo.
  • Promuove un sano aumento di peso durante la gravidanza.
  • Migliora la tua forma fisica generale e rafforza il tuo cuore e i vasi sanguigni.
  • Ti aiuta a perdere peso dopo la nascita del bambino.

Riabilitazione del pavimento pelvico cicatrici interne da parto/intervento

Se abbiamo chiarito perché la ginnastica pelvica aiuta le donne con un parto naturale, rimane ancora da chiarire come possa aiutare quelle che hanno avuto o avranno un taglio cesareo. Possono beneficiare della terapia del pavimento pelvico? Se avete subito un taglio cesareo, a maggior ragione è ancora una buona idea vedere un fisioterapista per la terapia del pavimento pelvico. Se portare in grembo un bambino per nove mesi ha un impatto sul pavimento pelvico, l’incisione del cesareo può causare una varietà di problemi con il pavimento pelvico.

Il cesareo

Durante un cesareo viene praticata un’incisione nel muscolo addominale, che nel tempo guarisce, a livello muscolare ma i tessuti, legandosi l’uno all’altro, possono creare dolore e disagio. Oltre a questo si può anche ridurre l’elasticità che può rendere scomodo il piegarsi in avanti. La soluzione del fisioterapista è, una volta valutata la cicatrice, quella di trattare l’area con un massaggio cicatriziale. Oltre a questo i fisioterapisti possono insegnare come gestire i muscoli addominali e pelvici, le cicatrici (taglio cesareo, episiotomia, lacrime perineali di terzo e quarto grado dal parto strumentale), in modo che non continuino a causare problemi con il movimento funzionale, l’esercizio o il sesso.

Imparare a risolvere in modo sicuro le aderenze cicatriziali o il pezzettino di tessuto cicatriziale può aiutarti a muoverti più facilmente, a rafforzarsi più velocemente, a respirare meglio e a consentire al tuo corpo (e alla tua fascia) di rispondere alle esigenze che ci metti. Le cicatrici perineali possono causare dolore durante il sesso se non trattate.

Cosa sono le cicatrici perianali del parto

In questo caso ci si riferisce alle lacerazioni che avvengono normalmente durante un parto, come vedremo ne esistono quattro, che rappresentano diversi gradi di lacerazioni. Sono conseguenze estremamente comuni per un parto naturale, e non devono destare preoccupazione. Nella maggior parte dei casi queste lesioni minori riguardano il perineo, cioè la zona posta tra vagina e ano, in cui l’ostetrica o il medico potrebbero dover praticare un’incisione (episiotomia) se le circostanze lo richiedono. Queste lacerazioni o incisioni sono curate dopo il parto, con punti di sutura solubili e un anestetico locale, pertanto non sono dolorose.

Le lacerazioni possono essere:

  1. primo grado è la meno grave e interessa solamente la pelle; solitamente guarisce da sola.
  2. secondo grado, interessa la pelle e il muscolo del perineo, e in genere richiede l’applicazione di punti di sutura. La lesione non coinvolge lo sfintere dell’ano.
  3. terzo grado. La lesione si estende in basso verso lo sfintere anale (l’anello muscoloso che circonda l’orifizio anale).
  4. quarto grado. La lacerazione si estende oltre fino al canale anale e al retto.

Solo il 10% delle donne subisce lacerazioni gravi durante il parto di terzo o quarto grado.

I trattamenti della fisioterapia per le cicatrici da parto

La manipolazione fasciale, le tecniche di scollamento e la mobilizzazione tessutale sono le più diffuse per trattare questi tipi di cicatrici ma vengono scelte dopo un’accurata valutazione da parte del fisioterapista. Non sono le uniche, esiste un’ottima scelta a seconda del tipo di cicatrice. Una cosa importante è non arrivare a trattare la cicatrice quando quando già ci sono aderenze, bisogna prevenirle. Inoltre non tutte le cicatrici possono essere trattate allo stesso modo, ad esempio, la presenza di cheloidi esclude l’uso di certe tecniche a favore di altre.

L’obiettivo della fisioterapia con le cicatrici

L’obiettivo dei trattamenti fisioterapici è allentare i ponti di fibre collageniche che si sono sviluppati nella cicatrice e le aderenze tra quest’ultima e tessuti circostanti, oltre a migliorare lo scorrimento tissutale. I trattamenti, la manipolazione tessutale con vari carichi e varie direzioni e ancora di più l’uso della tecar terapia in questi casi  più che mai necessario. La Tecar terapia può accelerare i processi si guarigione dei tessuti ,essendo la zona perineale composta dall’80% di connettivo,quindi particolarmente sensibile alla bio-stimolazione. Possiamo stimolare la rigenerazione dei tessuti aumentandone la componente viscoelastica e assottigliando la parte cicatriziale.

Tutto questo si traduce in un muscolo molto più elastico in grado di controllare gli sfinteri riducendo le perdite di urina e d’altro canto la recuperata elasticità elimina il dolore pelvico alla ripresa dei rapporti sessuali.

Conclusione

Riabilitazione del pavimento pelvico cicatrici interne da parto/intervento

L’argomento riabilitazione del pavimento pelvico cicatrici interne da parto/intervento è trattato quotidianamente dai fisioterapisti che partecipano al progetto Fisioterapia Donna. Se hai bisogno di un aiuto per la tua salute pelvica, non esitare a contattarci, sarò disponibile per rispondere alle tue domande sull’argomento. Potete contattarci direttamente o inoltrarci una mail con le vostre richieste, faremo il possibile fornirvi le risposte che cercate.

Chiama la Dott.ssa Devecchi 3939054502 per maggiori informazioni

Telefono
Whatsapp
Email