Movimenti intestinali dolorosi cosa fare?

by

Il mal di pancia è uno di quegli inconvenienti che ci accompagnano durante tutta la vita. Chi più chi meno tutti abbiamo avuto il mal di pancia ma a ben vedere di cosa si tratta? Oggi parleremo di movimenti intestinali dolorosi cosa fare? Quando l’evento non è più sporadico ma continuativo, è possibile trovare sollievo dalla Fisioterapia?

Movimenti intestinali dolorosi cosa fare? Ne parliamo con Fisioterapiadonna.it

Un colpo di freddo, troppo cioccolato, mangiare cibi troppo freddi, sono solo alcune delle cause che possono portare ad avere il cosiddetto mal di pancia. Bisogna distinguere però dal singolo evento, che in genere si risolve in poche ore e pur causando dolore si risolve, dal  dolore addominale cronico o dal dolore addominale ricorrente. In questi ultimi citati il problema non si risolve né in poche ore ne tantomeno in pochi giorni ma rischia di diventare un tormento perenne. Di cosa stiamo dunque parlando, di un semplice mal di pancia o di qualcosa di più complesso?

Sindrome dell’Intestino Irritabile (SII o IBS per Irritable Bowel Syndrome)

Movimenti intestinali dolorosi cosa fare?

L’SII viene definito come un’aggregazione di sintomi che si verificano insieme, ma non è considerata una malattia. In passato, era chiamata colite, colite mucosa, colon spastico, colon nervoso e intestino spastico. Il nome è stato cambiato per riflettere la consapevolezza che il disturbo ha cause sia fisiche che mentali.

L’SII viene diagnosticata quando una persona ha avuto dolore o fastidio addominale almeno tre volte al mese negli ultimi 3 mesi senza altre malattie o lesioni che potrebbero spiegare il dolore. Il dolore o il disagio può verificarsi con un cambiamento nella frequenza o nella consistenza delle feci o essere alleviato da un movimento intestinale. 

La classificazione del disturbo

Spesso è classificata in quattro sottotipi in base alla consistenza abituale delle feci di una persona. Questi sottotipi sono importanti perché influenzano i tipi di trattamento che hanno maggiori probabilità di migliorare i sintomi della persona. 

I quattro sottotipi di IBS sono:

  • SII con costipazione (SII-C) feci dure o grumose almeno il 25% delle volte.
  • Feci molli o acquose meno del 25 percento delle volte.
  • SII con diarrea (SII-D) feci molli o acquose almeno il 25% delle volte.
    • Feci dure o bitorzolute meno del 25% delle volte.
  • IBS misto (IBS-M) – feci dure o grumose almeno il 25% delle volte.
  • feci sciolte o acquose almeno il 25% delle volte.
  • IBS non sottomessa (IBS-U).
    • Feci dure o grumose meno del 25% delle volte.
    • Feci sciolte o acquose meno del 25% delle volte.

La sindrome dell’intestino irritabile è una condizione cronica che colpisce l’intestino tenue e crasso. I sintomi che sono comunemente collegati a questa condizione includono crampi, dolore addominale, gonfiore, gas, diarrea e costipazione. L’SII tende a colpire più donne che uomini e si riscontra più comunemente in soggetti di età inferiore ai 45 anni.

Movimenti intestinali dolorosi cosa fare, hai domande a riguardo? Chiama Fisioterapiadonna.it al 3939054502! Possiamo aiutarti!

Ma un fisioterapista cosa c’entra in tutto questo?

I fisioterapisti non trattano molte di queste condizioni che abbiamo elencato, tuttavia bisogna considerare che l’effetto di questi problemi, può causare tensioni muscolari associate all’interno del pavimento pelvico. A volte la condizione può essere lieve e causare solo dolore occasionale, diventando lentamente sempre più un problema. I Fisioterapisti formati nel trattamento del dolore pelvico, possono aiutare a ridurre le tensioni muscolari, affrontare il dolore e collaborare con i medici per stabilire la causa sottostante. 

Le cause della Sindrome dell’Intestino Irritabile

I fattori scatenanti che possono causare la sindrome dell’intestino irritabile differiscono da persona a persona. I più comuni di questi sono cibo, stress, ormoni e altre malattie intestinali come la gastroenterite. La diagnosi viene effettuata da un medico che inizierà esaminando la tua storia clinica per identificare i sintomi caratteristici dell’SII. Per escludere altre condizioni intestinali come la malattia infiammatoria intestinale o la celiachia, un medico può eseguire esami del sangue e delle feci, radiografie e test endoscopici come una colonscopia. Molti malati di IBS sono in grado di controllare i loro sintomi senza bisogno di farmaci attraverso cambiamenti nella dieta, esercizio fisico e sollievo dallo stress. Tuttavia, in alcuni casi in cui i sintomi sono considerati gravi, possono essere necessari farmaci.

Cosa possiamo fare per migliorare la situazione?

Nutrizione

A volte i fattori dietetici possono provocare o peggiorare i sintomi. La sindrome dell’intestino irritabile provoca una maggiore sensibilità intestinale, che può essere innescata da determinati alimenti. Mangiare pasti troppo abbondanti o ricchi di grassi può causare dolore addominale e diarrea. Ciò può anche essere causato dal consumo eccessivo di zucchero. Diversi tipi di zucchero sono spesso scarsamente assorbiti dall’intestino causando questi sintomi. Vi consigliamo di contattare un dietologo qualificato per consigliarvi sulla alimentazione e dieta. Il dietologo può consigliarti di tenere un diario alimentare, registrando l’assunzione di cibo e i sintomi. L’eliminazione di alcuni alimenti può essere utile per controllare i sintomi.

Esercizio

Fare molto esercizio fisico può aiutare ad alleviare i sintomi dell’SII. Se non sei abituato a fare esercizio regolarmente, potrebbe essere una buona idea iniziare lentamente e rilassarti. Corsi come yoga e pilates sono ottime forme di esercizio soprattutto per alleviare lo stress. Inoltre molti trovano utile evitare qualsiasi forma di esercizio intensivo, come la corsa, in quanto ciò può essere associato a un peggioramento dei sintomi di diarrea, movimenti intestinali sciolti e crampi allo stomaco.

Alleviare lo stress

Lo stress può essere uno dei maggiori fattori scatenanti della sindrome dell’intestino irritabile per alcune persone. Esistono vari tipi di fattori di stress che possono avere un impatto sull SII, come quelli fisici (infezione, intervento chirurgico, malattia) e / o psicologici (perdita del lavoro, preoccupazioni finanziarie, ecc.) La gestione dello stress può aiutare ad alleviare i sintomi che potresti avere. Prova tecniche di rilassamento come la respirazione profonda, la visualizzazione o la meditazione. Anche l’esercizio fisico regolare, dormire a sufficienza e seguire una buona dieta aiuteranno ad alleviare lo stress.

Movimenti intestinali dolorosi cosa fare, hai domande a riguardo? Chiama Fisioterapiadonna.it al 3939054502! Possiamo aiutarti!

Cosa può fare la Fisioterapia?

 

  • Assistere nello sviluppo di abitudini intestinali corrette

 

Le nostre abitudini alimentari possono essere estremamente collegate alla funzione intestinale. Questo è vero anche per le persone che hanno a che fare con SII, che si tratti di stitichezza, diarrea o entrambi! L’addestramento delle abitudini intestinali include lo sviluppo di una routine intestinale coerente, l’ottimizzazione delle abitudini alimentari e persino le strategie di posizionamento / defecazione del bagno. Questi fattori mirano principalmente ad aiutare la persona ad assicurarsi che le abitudini funzionino per lui e non contro. A volte questi componenti richiedono un team più multidisciplinare. Ciò può includere il lavoro con il medico gastrointestinale, il PT pelvico, nonché un dietologo e altre specialità.

 

  • Gestione dello stress

 

Sapevi che nel nostro sistema gastrointestinale è presente una vasta rete neurale? Questa rete è stata definita “il secondo cervello”, per la capacità di funzionare anche quando è tagliata fuori dal resto del sistema. Viene spesso chiamato anche “il cervello emotivo del corpo”, che ha senso quando pensiamo a quanto spesso sentiamo le nostre emozioni nel nostro intestino (cioè “farfalle nello stomaco” o “la mia reazione intestinale”) Tutto questo per affermare che la funzione gastrointestinale, può essere spesso influenzata dal nostro stress, dalla regolazione emotiva e dal benessere psicologico generale.

La Fisoterapia e lo stress

I fisioterapisti utilizzano strategie che promuovono il rilassamento neuromuscolare per aiutare a calmare il sistema nervoso e promuovere uno stato dominante più parasimpatico. Questo può essere fatto attraverso il movimento, strategie di rilassamento, consapevolezza / meditazione e molte altre tecniche.

 

  • Esercizi specifici volti a promuovere una migliore circolazione

 

All’inizio questo potrebbe non sembrare collegato, ma la realtà è che quando le persone non si sentono bene o quando qualcuno sta lottando con la stitichezza / diarrea, le persone tendono a muoversi meno. Questo può spesso influire sulla funzione intestinale poiché l’esercizio fisico regolare tende a stimolare movimenti intestinali più regolari. 

 

  • Trattare le componenti miofasciali del problema.

 

Fondamentalmente, quando una persona ha un problema sindrome intestino irritabile, spesso si scopre che i tessuti miofasciali attorno all’organo possono diventare ristretti e sensibili. Questo può essere interconnesso dove la disfunzione miofasciale può peggiorare un problema viscerale e un problema viscerale peggiora la disfunzione miofasciale. Pertanto, affrontare entrambi i lati del problema può essere spesso un’ottima idea. Da un punto di vista muscolo-scheletrico, ciò significa identificare le strutture intorno all’addome e al bacino; che possono essere sensibili o non muoversi in modo ottimale. Questo può spesso includere la parete addominale, i muscoli dell’anca, i muscoli della coscia, i muscoli dei glutei e i muscoli intorno alla parte bassa e media della schiena.

 

  • Trattare i problemi del pavimento pelvico sottostanti o coesistenti.

 

Lo studio “Relazioni tra i sintomi del pavimento pelvico e la funzione nella sindrome dell’intestino irritabile” ha evidenziato che c’erano relazioni tra i sintomi del pavimento pelvico e la funzione anorettale negli individui con SII.  La disfunzione dei muscoli del pavimento pelvico può presentarsi come debolezza, che può portare a difficoltà a trattenere le feci o scarso supporto intorno al retto. Può anche includere iperattività e scarso rilassamento dei muscoli del pavimento pelvico. Questo può contribuire al dolore, ma può anche influenzare la capacità dei muscoli di aprirsi per la defecazione o trattenersi quando necessario. 

Inoltre, le persone possono avere difficoltà con la coordinazione del pavimento pelvico – fondamentalmente, quando i muscoli non si contraggono o si rilassano quando dovrebbero. La defecazione dissinergica si verifica quando i muscoli del pavimento pelvico si contraggono invece di rilassarsi quando una persona ha un movimento intestinale. Questo può essere un problema significativo per chi soffre di stitichezza. La dissinergia sfinterica può verificarsi in soggetti con SII e altri tipi di costipazione e può essere trattata con PT pelvico (molte opzioni di trattamento, incluso il biofeedback che è stato trovato utile per le persone con e senza SII).

Conclusioni

Movimenti intestinali dolorosi cosa fare?

L’SII può avere un impatto molto grande sulla qualità della vita di una persona. Se hai problemi intestinali ricorrenti, chiedi aiuto migliorare i sintomi è possibile. Speriamo di essere riusciti a dare una risposta sull’argomento: Movimenti intestinali dolorosi cosa fare? Fisioterapia donna è un progetto per far fronte ai bisogni delle donne, grazie ad un approccio multidisciplinare per trasformare ogni donna nel meglio di sé. Se avete curiosità o domande sull’argomento; potete contattarci direttamente o inoltrarci una mail con le vostre richieste, faremo il possibile fornirvi le risposte che cercate.

Chiama la Dott.ssa Devecchi 3939054502 per maggiori informazioni

Seguici anche sulla nostra pagina Facebook!

Telefono
Whatsapp
Email