Malattia infiammatoria pelvica

Malattia infiammatoria pelvica

by

Cos’è La Malattia Infiammatoria Pelvica, come si cura con la fisioterapia? Oggi ci occuperemo di approfondire un argomento che purtroppo colpisce una parte della popolazione femminile in Italia.

Malattia infiammatoria pelvica (MIP), cosa c’è da sapere?

La MIP si sviluppa quando i batteri viaggiano attraverso la cervice, causando un’infezione negli organi riproduttivi superiori: utero, tube di Falloppio e/o ovaie. Quando i microrganismi della cervice e della vagina risalgono il tratto riproduttivo, possono portare a MIP. Tipicamente questi microrganismi sono batteri delle malattie sessualmente trasmissibili , vale a dire la clamidia e la gonorrea, ma possono anche svilupparsi da altri patogeni. Le malattie sessualmente trasmissibili sono la causa di circa un terzo delle Immunodeficienze Primitive, sebbene questo tasso sia più alto per le persone di età inferiore ai venticinque anni. 

Quali sono i sintomi della MIP?

Alcune persone con MIP sono asintomatiche, mentre altre possono avere un graduale aumento dei sintomi o un esordio acuto. I sintomi della MIP possono apparire aspecifici e possono essere facilmente confusi con altri problemi di salute riproduttiva o addominali.  

Ecco alcuni sintomi comuni della MIP:

  • Dolore nella zona pelvica inferiore.
  • Aumento delle perdite vaginali o secrezioni gialle, verdastre o simili a pus.
  • Periodi irregolari o spotting.
  • Dolore durante il rapporto.
  • Minzione frequente e dolorosa.
  • Organo pelvico e tenerezza addominale.
  • Presenza di endometriosi.

In caso di infezione acuta, le persone possono manifestare nausea, vomito, disidratazione, febbre e dolore in rapido peggioramento. 

Chiama ora per maggiori informazioni la Dott.ssa Devecchi! 3939054502

Diagnosi della malattia infiammatoria pelvica

Malattia infiammatoria pelvica

Purtroppo la diagnosi di MIP può essere difficile perché i sintomi non sono specifici. Se tu o il tuo ginecologo sospettate un’infezione, molto probabilmente verrà diagnosticato utilizzando una serie di metodologie, quali: 

  • Un esame esterno e interno degli organi riproduttivi e addominali, per verificare la tenerezza e i segni visivi di un’infezione.
  • Un test STI completo (Sexsual-Trasmission-infection).
  • Potrebbe essere richiesto un test di gravidanza.
  • Un conteggio dei globuli bianchi per testare un’infezione.
  • Un’ecografia ovarica o un’ecografia transvaginale.
  • Una emocoltura per determinare quali batteri sono presenti.
  • Una laparoscopia diagnostica.
  • Fattori di rischio per la MIP.

Cause 

Essendo una malattia a trasmissione sessuale la causa può sembrare scontata. In realtà, anche le persone che hanno subito una recente procedura ginecologica o un intervento chirurgico; come l’inserimento di uno IUD (spirale contraccettiva) o una biopsia endometriale, hanno un’aumentata possibilità di contrarre un’infezione.  Anche le gravidanze recenti o il parto, indipendentemente dal risultato, aumentano il rischio.

Che cosa determinano sul lungo termine le infezioni MIP

I batteri che causano l’infiammazione possono potenzialmente infettare e danneggiare tutti gli organi con cui viene a contatto, ma le tube di Falloppio sono le più suscettibili ai danni, a causa della loro fragilità. 

  1. Quando l’infezione termina alle tube di Falloppio, si chiama salpingite.
  2. Se si diffonde nella cavità addominale, può portare a peritonite, infiammazione dei tessuti sulla parete interna dell’addome.  

Una delle complicazioni più comuni della MIP è l’infertilità, la difficoltà a concepire o a portare a termine la gestazione. Una donna su otto, che ha avuto MIP, riferisce di aver difficoltà a concepire. La MIP aumenta anche la possibilità che qualcuno abbia una gravidanza extrauterina, una complicanza dolorosa e potenzialmente pericolosa per la vita.

Altre possibili complicanze

  • Per le persone con MIP non trattata che sono incinte, i batteri che causano l’infezione possono potenzialmente causare problemi di salute del feto in via di sviluppo. 
  • Altre persone possono provare dolore pelvico cronico e possibilmente lo sviluppo di tessuto cicatriziale, noto come aderenze. 
  • La MIP può portare a un ascesso tubo-ovarico, una massa infiammatoria nelle tube di Falloppio e possibilmente negli organi circostanti.  
  • In casi molto rari la MIP può portare alla morte. La mortalità è inferiore all’1%  e in genere è dovuta a un problema di salute successivo.

 

Come si tratta la MIP?

A volte la MIP può scomparire da sola, questo è tipico nei casi in cui i pazienti non hanno mostrato sintomi. Tuttavia, questo accade raramente e non è il caso per la maggior parte delle persone. La tempestività nel segnalare i sintomi è importantissima al fine di individuare un trattamento. Il trattamento più comune in questi casi sono gli antibiotici. Sebbene gli antibiotici non possano invertire le cicatrici che si sono già formate, dovrebbero prevenire danni futuri da un’infezione. Individuare il tipo di batterio è un processo difficile, di solito, i medici prescrivono un antibiotico ad ampio spettro; che dovrebbe uccidere tutti i possibili ceppi di batteri che causano MIP. 

Molto importante!

“Se vengono somministrati antibiotici per la MIP (o qualsiasi altra cosa), è importante finire il ciclo completo, anche se i sintomi scompaiono.”

In che modo la fisioterapia aiuta nel trattamento della malattia infiammatoria pelvica?

La fisioterapia aiuta il trattamento farmacologico delle Immunodeficienze Primitive in diversi modi e in diversi stadi di progressione della malattia.

  • Stadio acuto

Nei casi lievi e moderati (acuti) di Immunodeficienza Primitiva, la fisioterapia viene utilizzata per alleviare il dolore e l’infiammazione che il paziente sperimenta. Per questo, il paziente non ha bisogno di essere ricoverato in ospedale ma viene effettuata la tecar terapia per un breve periodo (5-10 minuti), tre volte a settimana. La diatermia o tecar terapia avviene attraverso il calore nei tessuti profondi e superficiali. Il calore provoca la dilatazione dei vasi sanguigni provocando una maggiore circolazione. Questo promuove la guarigione e riduce il dolore. 

  • Stadio cronico

Negli stadi cronici della malattia, la fisioterapia mira non solo ad alleviare il dolore e promuovere la guarigione nell’area, ma mira anche ad aumentare il movimento funzionale e curare la disfunzione muscolo-scheletrica (immobilità muscolare). La tecar terapia viene utilizzata per aumentare la circolazione nell’area, che aiuta i muscoli pelvici a rilassarsi e contrarsi. Aumenta anche l’attività metabolica e cellulare, provocando il dissolvimento dei tessuti cicatriziali della malattia e accelerando la guarigione. 

 

Altri utilizzi della fisioterapia

Altri utilizzi della fisioterapia

I terapisti possono utilizzare la stimolazione elettrica (stimolazione elettrica transcutanea del nervo – TENS) alla parte bassa della schiena (midollo spinale) per rimuovere o inibire la percezione del dolore. Durante la MIP, i muscoli del pavimento pelvico potrebbero essere affaticati a causa del dolore costante e della guarigione ritardata. Al fine di riabilitare la muscolatura pelvica, i fisioterapisti possono anche suggerire esercizi per aiutare a rinforzare e rilassare i muscoli pelvici. A volte, quando l’entità del danno è maggiore, la farmacologia e la fisioterapia non sono sufficienti per curare la malattia. Le circostanze possono richiedere procedure chirurgiche. Tuttavia, la fisioterapia può aiutare nel recupero dell’azione del muscolo pelvico post-operatorio.

Conclusione

La Malattia Infiammatoria Pelvica può rappresentare un problema, specie quando si presenta in forma lieve con sintomi difficili da rilevare. Questa è una delle patologie che, viene ampiamente trattata dai fisioterapisti del progetto Fisioterapia Donna. Se hai bisogno di un aiuto per la tua salute pelvica, non esitare a contattarci, uno dei nostri fisioterapisti, sarà disponibile per rispondere alle tue domande sull’argomento. Potete contattarci direttamente o inoltrarci una mail con le vostre richieste, faremo il possibile fornirvi le risposte che cercate.

Chiama la Dott.ssa Devecchi 3939054502 per maggiori informazioni

Seguici anche su Facebook

Telefono
Whatsapp
Email