La malattia di Peyronie e la fisioterapia

by

Oggi vogliamo parlarvi di un disturbo che può colpire l’uomo e che può essere efficacemente trattato con la Fisioterapia. La malattia di Peyronie e la fisioterapia, un possibile trattamento efficace? Come può essere utile la Fisioterapia per curare la Peyronie? 

La malattia di Peyronie e la Fisioterapia

La malattia di Peyronie viene trattata in prima battuta con metodologie conservative. Il principale obiettivo di questi interventi è quello di arrestare il processo di ialinizzazione e ossificazione delle strutture dell’albuginea. La Fisioterapia consente di ottenere risultati soddisfacenti nella fase infiammatoria della malattia.

La terapia conservativa è prescritta ai pazienti sia nella fase acuta (infiammatoria) attiva della malattia a fini terapeutici, sia nella fase di stabilizzazione del processo per prevenire il ripetersi o la progressione della curvatura del pene. Il trattamento conservativo della malattia di Peyronie è generalmente a lungo termine: la sua efficacia può essere valutata non prima di 3 mesi dopo l’esordio; il trattamento dovrebbe durare almeno 6 mesi.

Se il trattamento conservativo per 6 mesi si è rivelato completamente inefficace, solo in questo caso può essere presa in considerazione la chirurgia per risolvere la malattia di Peyronie.

LA MALATTIA DI PEYRONIE

La malattia di Peyronie e la fisioterapia

La malattia di Peyronie è una curvatura anormale del pene in uno stato eretto. Ma non solo i difetti estetici disturbano i pazienti. I problemi più grandi sono il dolore durante il rapporto e talvolta l’impossibilità della sua attuazione in generale.

La causa della curvatura è un indurimento benigno del pene e la proliferazione dei tessuti fibrosi. Le manifestazioni della malattia sono espresse nella formazione di formazioni cartilaginee nel corpo del pene (il più delle volte dall’alto).

All’inizio della malattia appare dolore al pene, il più delle volte associato a un’erezione o a un rapporto sessuale. Con il progredire della malattia, nei corpi cavernosi si formano placche cartilaginee allungate lunghe fino a 1,5 cm. Questi cambiamenti causano disfunzione erettile e forte dolore, oltre a una significativa curvatura del pene. La curvatura appare solo durante l’erezione, a riposo il pene ha un aspetto normale. 

Il trattamento della malattia di Peyronie

Per ottenere i migliori risultati, la fisioterapia dovrebbe essere utilizzata per il trattamento della malattia di Peyronie come metodo di trattamento complementare e non come unico approccio. Questo disturbo deve essere diagnosticato da un Andrologo o un Urologo e successivamente, può e deve essere usata la fisioterapia, a completamento della terapia. L’intervento della Fisioterapia nella fase infiammatoria acuta ha due obiettivi principali.

Il primo compito è stabilizzare il processo patologico nel suo decorso acuto, ad es. passaggio dallo stadio infiammatorio acuto allo stadio di stabilizzazione e regressione dei sintomi. Il secondo compito importante è l’eliminazione o la riduzione della curvatura del pene. Attualmente, ci sono molti metodi per il trattamento conservativo (senza intervento chirurgico) della malattia di Peyronie.

Con la terapia conservativa vengono prescritte forme orali di vari farmaci, viene praticata l’iniezione diretta di farmaci nell’area della placca e viene utilizzato un ricco arsenale di fisioterapia.

La malattia di Peyronie e la fisioterapia sono la giusta risposta alle tue esigenze?

Chiama Fisioterapiadonna.it al 3939054502, ti risponderemo consigliandoti al meglio, per un risultato efficace.

Trattare la malattia di Peyronie con la terapia fisica

La medicina moderna ha accumulato una vasta esperienza nell’uso efficace della fisioterapia. C’è un legame evidente tra la curvatura del pene e lo squilibrio endocrino. A questo proposito, la fisioterapia (agendo direttamente sul focus) e la terapia ormonale (agendo sulla causa della malattia) migliorano notevolmente la qualità della vita dei pazienti.

Migliorare la microcircolazione, ridurre la gravità dell’infiammazione, ridurre l’intensità del processo cicatriziale-sclerotico: tutti questi effetti della fisioterapia possono essere utilizzati nel trattamento della malattia di Peyronie.

Varie tecniche di fisioterapia sono una componente importante del trattamento conservativo della malattia di Peyronie:

  • Terapia di trazione (uso di estensori).
  • Utilizzo di dispositivi sottovuoto (terapia a pressione negativa locale, terapia LOD).
  • Terapia extracorporea con onde d’urto.
  • Tecar terapia

Terapia di trazione

  • Estensori. A oggi è stato stabilito che il graduale allungamento della tunica albuginea del pene, con l’aiuto della trazione, porta alla formazione e alla crescita di nuovo tessuto connettivo. Quindi, c’è un rimodellamento (cambiamento strutturale) della placca dell’albuginea del pene. L’estensore per raddrizzare il pene deve essere indossato quotidianamente per 2-10 ore (!) per 3-6 mesi. Questa tecnica è efficace solo con l’uso quotidiano prolungato dell’extender e deve essere fatta per un lungo periodo di tempo (3-6 mesi). Indubbiamente aiuta a ridurre l’angolo di curvatura del pene e un certo aumento della lunghezza del pene. Inoltre aiuta a migliorare la funzione erettile e ad aumentare la durezza dell’erezione.
  • Dispositivi per il vuoto o terapia a pressione negativa locale. L’uso di dispositivi a vuoto nel trattamento della malattia di Peyronie segue gli stessi principi della terapia di trazione con un estensore: allungando l’albuginea e il tessuto cavernoso del pene. La terapia presenta una serie di vantaggi rispetto all’uso di un extender:
  • E’ un metodo più conveniente per trattare la malattia di Peyronie (la procedura richiede solo 20 minuti al giorno o a giorni alterni).
  • Aiuta a ridurre l’angolo di curvatura del pene, un certo aumento della lunghezza e dello spessore del pene (a causa dell’allungamento del tessuto in tutte le direzioni, anche in larghezza – gli estensori non hanno questa proprietà).
  • Contribuisce a un significativo miglioramento della funzione erettile e a un aumento della durezza di un’erezione.

La terapia del vuoto può essere utilizzata con successo dai pazienti nel trattamento della malattia di Peyronie per stabilizzare la malattia e ridurre la curvatura del pene, nonché nel periodo postoperatorio per la riabilitazione.

Le onde d’urto e tecar terapia

La malattia di Peyronie e la fisioterapia

Uno dei sistemi più utilizzati recentemente nella cura della Malattia di La Peyronie sono le Onde D’urto. Le vibrazioni acustiche ad alta intensità durante la procedura penetrano nei tessuti del pene e provocano un’intera cascata di reazioni biofisiche esattamente come i benefici della tecar terapia grazie alla radiofrequenza.

In alcuni casi la combinazione di queste terapie porta a:

  • Stimolazione della circolazione sanguigna;
  • Miglioramento del trofismo tissutale;
  • Eliminazione della stasi venosa;
  • Riassorbimento di aderenze e sigilli fibrosi;
  • Stimolazione dell’angiogenesi e neovascolarizzazione;
  • Attivazione di processi rigenerativi nei tessuti.

Il trattamento della malattia di Peyronie con queste terapie presenta numerosi vantaggi rispetto ad altri metodi di trattamento:

  • Indolore, non richiede anestesia;
  • Innocuo, non provocano effetti collaterali;
  • Sicurezza, non hanno praticamente controindicazioni(eccetto quelle di legge)
  • Non invasivo, sono un’alternativa alla chirurgia.

La durata del corso del trattamento è determinata dall’urologo presente, tenendo conto della gravità della malattia e dell’intensità della sua manifestazione.

Conclusioni

In questo articolo ci siamo dedicati a vedere alcune delle metodologie di trattamento che la fisioterapia può mettere in campo contro la Peyronie. La malattia di Peyronie e la fisioterapia sono un’ottima abbinata perchè seguendo metodologie non invasive apportano un sensibile miglioramento alla patologia. Se siete curiosi di scoprire tutti i trattamenti che possiamo mettere a vostra disposizione o avete dubbi o domande da chiarire, potete contattarci direttamente al 3939054502 o inoltrare una mail a: dvcgiusi224@gmail.com con le vostre richieste, faremo il possibile fornirvi le risposte che cercate!

Seguici anche su Facebook

Telefono
Whatsapp
Email