Insufficienza venosa arti inferiori sintomi e a chi rivolgersi

by

Se stai sperimentando gambe gonfie, prurito alle gambe, crampi dolorosi alle gambe, con buona probabilità potresti avere un problema di insufficienza venosa. In questo articolo tratteremo l’argomento: Insufficienza venosa arti inferiori sintomi e a chi rivolgersi!

Insufficienza venosa arti inferiori sintomi e a chi rivolgersi? Ne parliamo con Fisioterapiadonna.it

L’insufficienza venosa si sviluppa sullo sfondo dell’insufficienza delle valvole delle vene profonde e del ristagno di sangue, sotto la cui pressione le pareti dei vasi si allungano, perdono la loro elasticità e si assottigliano. Nelle fasi iniziali dello sviluppo, il quadro clinico della malattia non viene espresso, il che complica la diagnosi precoce e il trattamento tempestivo. Il trattamento può essere conservativo o chirurgico. Tutto dipende dalla gravità del corso e dal grado di prevalenza del processo patologico.

Le Cause

L’insufficienza venosa degli arti inferiori si sviluppa sullo sfondo della disfunzione dell’apparato valvolare, una diminuzione del tono delle pareti venose e lo sviluppo del ristagno. Le ragioni per lo sviluppo di una tale patologia sono varie. 

Le più comuni sono:

  • Disturbo ormonale in cui l’estrogeno viene prodotto in eccesso.
  • Inattività fisica, quando una persona è costretta a stare costantemente in posizione seduta o in piedi.
  • Obesità, in cui aumenta il carico sugli arti inferiori, che porta al ristagno di sangue nei vasi.
  • Età avanzata. Nel corso degli anni, le pareti dei vasi sanguigni diventano meno elastiche e resistenti.
  • Costipazione cronica, in cui la circolazione sanguigna è compromessa e si sviluppano processi stagnanti.
  • Gravidanza. Man mano che il feto cresce e si sviluppa, il carico sui vasi difficili aumenta.
  • Patologie del tessuto connettivo vascolare, ereditarie.
  • Lesioni alle vene: lividi, rotture, forature.

Spesso, l’insufficienza venosa delle gambe si sviluppa come complicazione di tali malattie:

    • Vene varicose. Patologia cronica, caratterizzata da vene varicose e accompagnata da insufficienza valvolare, nonché flusso sanguigno alterato.
    • Tromboflebite. È accompagnato da infiammazione delle pareti dei vasi superficiali e dalla formazione di un coagulo di sangue.
    • Flebotrombosi. Malattia venosa profonda, caratterizzata dal blocco del lume del vaso da parte di un coagulo di sangue.
    • Sindrome post-trombotica. È una complicazione della trombosi venosa profonda, combina disturbi emodinamici di varia localizzazione e gravità.
    • Malattie del sangue che portano a una violazione della sua coagulazione.
    • Processi oncologici nel corpo.
  • Disturbi metabolici.

Il meccanismo di sviluppo dell’insufficienza venosa

La disfunzione della valvola, i disturbi circolatori, l’indebolimento del tono delle pareti vascolari portano allo sviluppo di un processo stagnante, nonché all’espansione e all’assottigliamento delle pareti venose. Nel tempo, il lume nei vasi aumenta, il che impedisce ulteriormente la chiusura delle valvole. Di conseguenza, si sviluppa un’insufficienza valvolare, in cui le valvole non svolgono adeguatamente la funzione di impedire il deflusso del sangue nella direzione opposta.

I principali Sintomi

I sintomi dell’insufficienza venosa degli arti inferiori dipendono dalla forma in cui procede la malattia, che può essere:

  • Acuta.
  • Cronica.

In un decorso acuto

ll processo patologico colpisce le vene profonde, contribuendo a una forte violazione del flusso sanguigno e alla comparsa di sintomi rapidamente progressivi. Se l’insufficienza venosa delle gambe si sviluppa in forma acuta, i tessuti molli nell’area interessata si gonfiano, vengono disturbati forti dolori, che si intensificano con il movimento. La pelle diventa pallida o bluastra, perde sensibilità, diventa fredda al tatto, mentre la temperatura corporea, al contrario, aumenta fino a 39 – 40 °C. Nel tempo, il dolore progredisce, irradiandosi alla piccola pelvi. La circolazione sanguigna, il metabolismo e lo scambio di gas nei tessuti molli sono compromessi, il che può portare alla necrosi.

In un decorso cronico

L’insufficienza venosa cronica si sviluppa nei vasi superficiali, è caratterizzata da un decorso prevalentemente asintomatico e si manifesta con la formazione di alterazioni trofiche. I sintomi, provocano questi disturbi:

  • Gonfiore.
  • Pesantezza alle gambe.
  • Dolore di chiara localizzazione.
  • Vene del ragno (varicose).
  • Cambiamenti trofici.
  • Gonfiore dei tessuti molli.
  • Crampi e spasmi muscolari, che disturbano non solo durante il giorno, ma anche di notte.
  • Iperpigmentazione o, al contrario, scolorimento della pelle.
  • Cambiamenti nella struttura della pelle nella zona interessata: assottigliamento, eccessiva secchezza.
  • Crepe, focolai necrotici, piangenti e purulenti.

I differenti gradi dell’insufficienza venosa

Insufficienza venosa arti inferiori sintomi e a chi rivolgersi

Ci sono 4 fasi della progressione della malattia:

  1. È caratterizzato da un decorso asintomatico, tuttavia, si stanno già sviluppando cambiamenti patologici che interessano le valvole e le pareti vascolari. Durante la diagnostica strumentale, già nella prima fase, si notano cambiamenti insignificanti nelle pareti vascolari e insufficienza valvolare.
  2. In questa fase, il paziente sviluppa i primi sintomi: dolore, gonfiore, pesantezza alle gambe, particolarmente evidente la sera dopo una dura giornata. Anche le manifestazioni esterne diventano evidenti: vene varicose sotto la pelle o teleangectasie.
  3. In questa fase, dolore, gonfiore, gravità quasi sempre infastidiscono il paziente. La pelle di fronte al vaso interessato si scurisce, il tessuto sottocutaneo diventa più sottile e l’attaccatura dei capelli scompare. In assenza di terapia, si sviluppa l’eczema, sullo sfondo del quale compaiono ulcere trofiche intrattabili.
  4. Questa è l’ultima fase, caratterizzata da cambiamenti necrotici irreversibili. Il paziente perde completamente la capacità di lavorare, a volte, per salvare la vita, i medici ricorrono a una misura chirurgica radicale: l’amputazione dell’arto affetto da necrosi.

Metodi fisioterapici per il trattamento e la prevenzione delle vene varicose degli arti inferiori

Metodi fisioterapici per il trattamento e la prevenzione delle vene varicose degli arti inferiori

Fondamentalmente, queste misure sono utili nelle prime fasi della malattia. Rallentano il suo sviluppo e alleviano i sintomi. Tuttavia, la fisioterapia non è una cura miracolosa che eliminerà facilmente eventuali vasi alterati. Sfortunatamente, questo è impossibile senza un intervento chirurgico. I metodi di fisioterapia vengono solitamente utilizzati in trattamenti complessi, insieme a calze a compressione, esercizi speciali e farmaci. Il medico sceglie la procedura in base ai sintomi e alle controindicazioni. Quindi, puoi iscriverti alla terapia solo dopo aver consultato un flebologo.

Tipi di fisioterapia per le vene varicose:

  • Elettroforesi.
  • Idroterapia.
  • Magnetoterapia.
  • Drenaggio linfatico.
  • Radiofrequenza tecar terapia 

Non tutte le procedure vengono utilizzate con la stessa frequenza. Esistono molte opzioni di trattamento, dai metodi medici, farmacologici e conservativi. La Fisioterapia si occupa dei trattamenti conservativi. Si tratta di una terapia non chirurgica che raggruppa tutti i percorsi possibili e praticabili prima di intervento chirurgico. Ridurre il dolore, recuperare la mobilità articolare e il tono muscolare, ad esempio, sono tutte pratiche conservative. Il passo più importante di queste terapie è includere l’educazione del paziente, per ottenere risultati migliori dopo il trattamento. La formazione del paziente sui cambiamenti nello stile di vita è importante se non fondamentale. Concetti come il controllo del peso, la cura degli arti e gli esercizi ottimali per mantenere elastici i muscoli del polpaccio e l’articolazione della caviglia sono tra le strategie preferite.

Cosa include un trattamento conservativo?

Insufficienza venosa arti inferiori sintomi e a chi rivolgersi

La calza a compressione (CS):

Si avvale dell’utilizzo della terapia compressiva, che è considerata il “gold standard” per l’IVC. Si tratta di  calze elastiche, bende e dispositivi di compressione pneumatica che il paziente usa sistematicamente. Come detto l’educazione del paziente è essenziale, purtroppo questa condizione può essere cronica e necessita di cure per tutta la vita. Quindi i pazienti con IVC dovrebbero incoraggiare a mantenere un peso corporeo normale, fare esercizio quotidiano (un programma di camminata è particolarmente indicato) e indossare indumenti compressivi per tutto il giorno.

La maggior parte dei pazienti ottiene un adeguato sollievo dai sintomi utilizzando calze a compressione graduata a lungo termine, elevazione delle gambe e antidolorifici orali. Per le velocità di compressione la graduazione consigliata è di 20-30 mmHg e nei casi più gravi può essere aumentata a 30-40 mmHg. Le calze indossate quotidianamente sono il trattamento ideale per i pazienti che non desiderano un intervento chirurgico.

Conclusione

L’Insufficienza venosa arti inferiori sintomi e a chi rivolgersi, è un argomento complesso che va trattato a seconda del grado di avanzamento della malattia. Di sicuro un Fisioterapista è uno degli specialisti da interpellare nelle fasi iniziali, soprattutto per la formazione che può dare ai pazienti, sulle buone abitudini da tenere. Questo tipo di problema viene ampiamente trattato dai fisioterapisti che partecipano al progetto Fisioterapia Donna. Se hai bisogno di un aiuto e ravvisi i sintomi di cui abbiamo parlato, non esitare a contattarci, uno dei nostri fisioterapisti, sarà disponibile per rispondere alle tue domande sull’argomento. Potete contattarci direttamente o inoltrarci una mail con le vostre richieste, faremo il possibile fornirvi le risposte che cercate.

Chiama la Dott.ssa Devecchi 3939054502 per maggiori informazioni

Seguici anche su Facebook

Telefono
Whatsapp
Email