Incontinenza da urgenza

by

Oggi parleremo dell’incontinenza da urgenza (UI), una tipologia di incontinenza urinaria che può creare un deciso impatto sulla qualità della vita e sul benessere emotivo di chi ne è affetto. Avere perdite di urina senza una ragione apparente, dopo aver improvvisamente sentito la necessità o la voglia di urinare, è la condizione tipica dell’IU:

Incontinenza da urgenza che cos’è?

L’UI si verifica quando si ha un bisogno improvviso di urinare. In questo tipo di incontinenza, la vescica urinaria si contrae quando non dovrebbe, causando la fuoriuscita di urina attraverso i muscoli dello sfintere che tengono chiusa la vescica. Può interessare chiunque, ma le donne e gli adulti più anziani, hanno un rischio maggiore di svilupparlo. Bisogna considerare che l’incontinenza non è di per sé una malattia ma determina un devastante impatto psicologico.

L’incontinenza urinaria da urgenza è un pezzo di un quadro molto più ampio dell’incontinenza urinaria. Esistono diverse forme di incontinenza urinaria, che vanno dalla perdita di piccole quantità di urina con tosse o starnuti a una vescica iperattiva (OAB). Il medico può diagnosticare il tipo specifico di incontinenza e la sua causa e può suggerire possibili opzioni di trattamento.

Quali sono le cause dell’UI?

Incontinenza da urgenza

In molti casi di incontinenza da UI, un medico non è in grado di individuare una causa esatta. Tuttavia, alcune potenziali cause potrebbero includere:

  • Infezione alla vescica.
  • Infiammazione della vescica.
  • Calcoli alla vescica.
  • Ostruzione di un’apertura della vescica.
  • Prostata ingrossata.
  • Cancro alla vescica.
  • Malattie del sistema nervoso, come la sclerosi multipla (SM).
  • Una lesione al sistema nervoso, come un trauma al midollo spinale o un ictus.
  • Interventi chirurgici
  • Stress da parto

Quando vedere un dottore?

Per molte persone diventa difficile vedere un dottore per questo problema. La vergogna e la paura sono abili alleate ma devono essere vinte se si desidera rimediare a questo fastidioso problema. Specie se i sintomi presenti concorrono a un dolore nella regione pelvica, bruciore o dolore durante la minzione e continuano per diversi giorni. Se l’UI ostacola le attività quotidiane, non perdere ulteriore tempo e rivolgiti al Medico per discutere le opzioni di trattamento o altri modi per gestire la condizione.

Come viene diagnosticata?

Per diagnosticare l’incontinenza e sviluppare un piano terapeutico, il medico farà un’anamnesi della tua storia medica e in particolare delle caratteristiche dell’incontinenza. Probabilmente eseguiranno un esame fisico, incluso un esame pelvico, e prenderanno un campione di urina.

Il medico può anche eseguire ulteriori test, se necessario, tra cui:

  • Valutazione del pavimento pelvico. Questo verifica la forza dei muscoli del pavimento pelvico.
  • Analisi delle urine. Questo test verifica la presenza di segni di infezione o altri problemi.
  • Coltura delle urine. Se si sospetta un’infezione del tratto urinario, questo test può determinare il ceppo del batterio presente.
  • Ultrasuoni della vescica urinaria. Ciò consente al medico di visualizzare l’anatomia della vescica e vedere quanta urina rimane nella vescica dopo la minzione.
  • Cistoscopia. Una minuscola fotocamera su un ambito a fibre ottiche viene inserita nell’uretra e utilizzata per esaminare l’uretra e la vescica.
  • Studi radiografici. Vari studi radiografici consentono al medico di diagnosticare l’incontinenza:
    • Pielogramma endovenoso (IVP). Il colorante viene iniettato nel flusso sanguigno e vengono prelevati raggi X fluoroscopici del tratto urinario per seguire il colorante mentre si sposta verso e attraverso il sistema urinario.
    • Studio sui reni, sull’uretere e sulla vescica (KUB). Questo studio radiografico su film normale può essere utilizzato per diagnosticare condizioni che colpiscono i sistemi urinario e gastrointestinale.
    • TAC. Computer e macchine a raggi X rotanti vengono utilizzati per scattare foto dettagliate dei tuoi organi.
  • Studi Urodinamici. Questi studi vengono utilizzati per valutare il funzionamento della vescica e dell’uretra.
    • Cistometrografia. Questo test stabilisce la dimensione della vescica e se la vescica funziona correttamente.
    • Uroflussometria. Questo test determina la quantità di urina rilasciata e la velocità con cui viene rilasciata.
  • Test da sforzo. Il medico ti chiederà di svolgere attività che causano i tuoi sintomi di incontinenza.

Trovare la causa di incontinenza può essere un processo lungo e, in alcuni casi, una spiegazione chiara potrebbe non essere mai trovata. Il medico può anche chiedere di tenere un diario della vescica per monitorare l’assunzione di liquidi e la produzione di urina. Queste informazioni possono aiutare a rivelare modelli di attività che potrebbero influenzare il piano di trattamento. Con pazienza e una comunicazione aperta, tuttavia, paziente e medico possono sviluppare un piano di trattamento che aiuta a vivere una vita piena con un minimo disagio.

Chiama la Dott.ssa Devecchi 3939054502 per maggiori informazioni

Incontinenza da urgenza, i rimedi!

I trattamenti sono vari e dipendono da sintomi e condizioni unici. Ogni persona avrà un piano di trattamento leggermente diverso. Il medico molto probabilmente consiglierà di provare trattamenti comportamentali, come riqualificazione della vescica e esercizi di controllo del pavimento pelvico prima di suggerire trattamenti più invasivi. Ecco che a questo punto entrano in campo gli specialisti della riabilitazione, i fisioterapisti!

Cosa può fare la fisioterapia per L’UI?

I fisioterapisti sono esperti in una varietà di tecniche che possono offrire sollievo dal dolore o aiutare a gestire una condizione. I trattamenti possono offrire ai pazienti la possibilità di riprendere il controllo del proprio corpo. Insieme ai cambiamenti dello stile di vita come ridurre la caffeina, mangiare più fibre e tenere sotto controllo il proprio peso, la fisioterapia è molto efficace nel trattamento dell’incontinenza urinaria. Il fisioterapista può personalizzare il programma di trattamento specificamente per la forma di incontinenza urinaria presente.

Alcuni esempi, gli esercizi di Kegel

Gli esercizi di Kegel sono di solito la prima opzione di trattamento per l’incontinenza urinaria. Il processo rafforza i muscoli coinvolti nel trattenere l’urina, in particolare i muscoli del pavimento pelvico. Questi esercizi agiscono sulla muscolatura pelvica, per intenderci sono quei muscoli che si utilizzano quando si interrompe volontariamente il flusso di urina. Il vantaggio di questi esercizi, una volta capito bene quali sono i muscoli coinvolti, è che si possono fare ovunque e in qualsiasi momento.  Un’opzione per il rafforzamento del pavimento pelvico è l’elettrostimolazione spesso associata al biofeedback.Qui un medico inserirà una sonda nelle aperture vaginali o anali per stimolare la contrazione dei muscoli del pavimento pelvico. Questo aiuta a rafforzarli, e attraverso il biofeedback si aumenta l’autocontrollo.

Molto utile si è rivelata anche la pecar terapia che associata a esercizi mirati aumenta la componente viscoelastica del muscolo e ne permette una risposta migliore nel controllo della contrazione.

Riqualificazione della vescica

Riqualificare la vescica può rafforzare i muscoli coinvolti nella minzione. Una tecnica prevede la minzione ogni giorno solo a orari specifici previsti, al di fuori dei quali non si deve urinare. All’inizio, puoi andare ogni ora e quindi aumentare il tempo di attesa di intervalli di mezz’ora fino a quando non riesci a farlo da 3 a 4 ore senza perdite. Un’altra tecnica è quella di ritardare la minzione quando arriva l’impulso. Questo rafforza la capacità di trattenere l’urina.

Quali complicanze sono associate a questa disfunzione?

L’UI è in genere una condizione cronica che non presenta gravi complicazioni, ci sono pochi rischi associati alla mancata ricerca del trattamento. Finché non si hanno altri sintomi associati, come dolore o bruciore durante la minzione, ci sono pochi rischi. Tuttavia se non trattata può peggiorare e potrebbe interferire con le attività e le relazioni della vita quotidiana.

Conclusioni

Come abbiamo visto l’argomento incontinenza da urgenza è composto da diverse azioni che il fisioterapista, insieme al medico, possono mettere in atto per migliorare la condizione che affligge la paziente. Un’attenta e corretta consulenza e Valutazione Pelvica è a vostra disposizione presso il Centro Fisioterapia Donna. Garantiamo un programma che verrà elaborato utilizzando metodiche tradizionali, abbinate a tecnologie di ultima generazione.

Per informazioni potete contattarci al 3939054502 o scrivendoci una mail a: dvcgiusi224@gmail.com.

Telefono
Whatsapp
Email