Edemi arti inferiori cosa fare

Edemi arti inferiori cosa fare

by

Se ultimamente avete notato che i calzini vi vanno stretti e i tuoi pantaloni sono aderenti; molto probabilmente le vostre gambe sono gonfie in seguito ad un edema ad una infiammazione. In questo articolo parleremo dell’argomento edemi arti inferiori cosa fare, come la fisioterapia può essere d’aiuto.

Edemi arti inferiori cosa fare, ne parliamo con Fisioterapiadonna.it

Che cos’è un Edema?

L’edema periferico (EP) è un accumulo di liquido nello spazio interstiziale che si verifica quando la filtrazione capillare supera i limiti del drenaggio linfatico, producendo segni e sintomi clinici evidenti. In sostanza si tratta di un accumulo di liquidi che si verifica quando i tessuti o i vasi sanguigni delle gambe trattengono più liquidi di quanto dovrebbero. Questo può accadere se si passa semplicemente una lunga giornata in piedi o si sta troppo seduti a lungo. Ma potrebbe anche essere un segno che sei in sovrappeso o che non si fa abbastanza esercizio fisico e in certi casi, di condizioni mediche più gravi.

Tipi di edema

  • Linfedema

Il linfedema primario è una condizione ereditaria. Il sistema linfatico non funziona come dovrebbe o è meno ben costruito. Può verificarsi dalla nascita o avere origine con l’età avanzata. I vasi linfatici e i linfonodi danneggiati a seguito di un intervento chirurgico o di un incidente sono chiamati linfedema secondario.

  • Lipedema II

Lipedema è un accumulo di grasso e liquido. Vengono disturbati sia la produzione di tessuto di scarto che il drenaggio del fluido linfatico attraverso i vasi linfatici. I reclami che sorgono sono una sensazione di gonfiore alle braccia e alle gambe. Spesso vediamo anche problemi di peso, dolore e lividi sulla pelle.

  • Edema venoso

Quando le valvole nelle vene non funzionano correttamente, il sangue e il liquido linfatico impoverito di ossigeno e ricco di rifiuti non vengono drenati adeguatamente. Le gambe sono pesanti e gonfie. L’accumulo di liquidi e la dilatazione dei vasi sanguigni causano sintomi di dolore. Cause ben note sono: l’ipertensione, la trombosi e le vene varicose.

Le cause dell’Edema

Edemi arti inferiori cosa fare

Le cause dell’edema periferico sono varie e richiedono un approccio sistematico alla raccolta e all’esame dell’anamnesi. La diagnosi è spesso un processo di eliminazione delle cause comuni.

  • La causa più comune di edema periferico nei pazienti di età superiore ai 50 anni è l’insufficienza venosa e correlata all’invecchiamento. 
  • L’accumulo cronico di edema in uno o entrambi gli arti inferiori spesso indica insufficienza venosa. 
  • Molte altre condizioni di comorbidità sottostanti ad esempio insufficienza cardiaca, insufficienza renale, insufficienza epatica, linfedema, lipedema, cellulite, l’obesità, l’apnea ostruttiva del sonno, sindrome da dolore regionale complesso e il trauma può colpire qualsiasi fascia di età. 
  • L’edema periferico può anche essere comunemente osservato in gravidanza. 
  • Le cause secondarie del linfedema includono: tumore, trauma, precedente intervento chirurgico pelvico, linfoadenectomia inguinale, precedente radioterapia.

Edema un avvertimento?

L’edema periferico può essere un segnale di avvertimento per molte malattie sistemiche e se non trattato precocemente porta a un’elevata morbilità e mortalità. Le malattie più importanti da escludere sono le malattie cardiache, epatiche e renali. 

  • Tempistica dell’edema, indipendentemente dal fatto che cambi con la posizione e se è unilaterale o bilaterale, nonché un’anamnesi farmacologica e una valutazione per le malattie sistemiche.
  • Il gonfiore acuto di un arto per un periodo inferiore a 72 ore è più caratteristico della trombosi venosa profonda (TVP), della cellulite, della rottura della cisti poplitea, della sindrome compartimentale acuta da trauma o della recente assunzione di calcioantagonisti.
  • L’accumulo cronico di edema più generalizzato è dovuto all’insorgenza o l’esacerbazione di condizioni sistemiche croniche, come insufficienza cardiaca congestizia, malattia renale o malattia epatica.

Per maggiori informazioni chiama la Dott.ssa Devecchi 3939054502

Edemi arti inferiori cosa fare, il ruolo della fisioterapia!

Ruolo della fisioterapia

I trattamenti efficaci per ridurre l’edema includono:

  • Riposo, ghiaccio, compressione ed elevazione. Questi sono i principi della cura delle lesioni, per rimuovere lo sforzo dalla zona interessata e prevenire ulteriori gonfiori. Il riposo è importante e raffreddare la zona gonfia (“ghiaccio”) può ridurre la reazione infiammatoria e qualsiasi sintomo di dolore. La compressione o l’avvolgimento di una benda ace nell’area gonfia può aumentare la pressione per spostare il fluido indietro verso il cuore, specialmente se combinato con l’ elevazione. Un fisioterapista può anche consigliarti di elevare la parte gonfia del corpo a livello del cuore mentre riposi, in quanto ciò può alleviare il dolore e il gonfiore.
  • Spostamento: utilizzare i muscoli della zona interessata, in particolare le gambe, può essere utile per pompare il fluido in eccesso al cuore.
  • Massaggio:  nella zona interessata può spingere il fluido indietro verso il cuore e fuori dalla parte gonfia del corpo.

Nello specifico…

  • Educazione del paziente. Molto cruciale nell edema periferico come in altre malattie. In generale, i pazienti dovrebbero essere istruiti sullo stile di vita sano come esercizio fisico, dieta e controlli di routine per diagnosticare precocemente le entità patologiche sottostanti e prevenire complicazioni a lungo termine.
  • Terapia decongestionante completa
  • Terapie meccaniche: si raccomandano calze elastiche e compressive comprese tra 20 e 30 mm Hg per edema lieve e tra 30 e 40 mm Hg per edema grave complicato da ulcerazione. La terapia compressiva è controindicata nei pazienti con malattia arteriosa periferica.
  • Dispositivi pneumatici: esistono prove contrastanti per l’uso di dispositivi di compressione pneumatica in pazienti con insufficienza venosa cronica. Tuttavia, questi dispositivi dovrebbero essere presi in considerazione per i pazienti in cui le calze compressive sono controindicate.
  • Cura della pelle: ad esempio, la cura locale della pelle e delle ferite delle ulcere venose è essenziale per prevenire la cellulite e la dermatite secondarie. La dermatite eczematosa (da stasi), caratterizzata da pelle secca, infiammata e desquamata sovrastante le vene varicose superficiali, si verifica spesso in pazienti con insufficienza venosa cronica. Il trattamento comprende l’idratazione quotidiana con emollienti e brevi cicli di creme steroidee topiche per la pelle gravemente infiammata
  • Sindrome dolorosa regionale complessa: trattata con terapia fisica in combinazione con farmaci come steroidi sistemici e antidepressivi triciclici.
  • Apnea ostruttiva del sonno: trattata con ventilazione a pressione positiva.

I pazienti anziani sono a più alto rischio di complicazioni o condizioni mediche sottostanti. I fisioterapisti dovrebbero monitorare attentamente qualsiasi sintomo e ricevere l’assistenza di un medico se la condizione peggiora.

Conclusione

fisioterapista

L’edema periferico può rappresentare un dilemma diagnostico per i medici di famiglia a causa di un’ampia gamma di malattie sottostanti. Le cause dell’edema possono essere dovute a una miriade di diagnosi, tra cui cuore, fegato, reni, tiroide e altre eziologie vascolari. La diagnosi dovrebbe concentrarsi sull’esclusione di qualsiasi grave insufficienza del sistema d’organo come eziologia sottostante.

L’argomento Edemi arti inferiori cosa fare, viene ampiamente trattato dai fisioterapisti che partecipano al progetto Fisioterapia Donna. Se hai bisogno di un aiuto per la tua salute pelvica, non esitare a contattarci, uno dei nostri fisioterapisti, sarà disponibile per rispondere alle tue domande sull’argomento. Potete contattarci direttamente o inoltrarci una mail con le vostre richieste, faremo il possibile fornirvi le risposte che cercate.

Chiama la Dott.ssa Devecchi 3939054502 per maggiori informazioni

Seguici anche su Facebook

Telefono
Whatsapp
Email