Rieducazione posturale colonna vertebrale a chi rivolgersi

Dolori alla schiena bassa a chi rivolgersi

by

L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che il 70% delle persone sperimenterà una lombalgia comune (non specifica) ad un certo punto della propria vita. Quando si verifica è normale chiedersi per i dolori alla schiena bassa a chi rivolgersi? Qui vi daremo una risposta esaustiva.

Dolori alla schiena bassa a chi rivolgersi, ne parliamo con Fisioterapiadonna.it

Le cifre sopra citate, incredibilmente alte, rendono la lombalgia una delle cause più comuni di dolore e malattia nei paesi sviluppati. In quanto tale, è fondamentale che i pazienti comprendano i dettagli della lombalgia, come può verificarsi e come trattarla e prevenirla. Per meglio comprendere la lombalgia è opportuno conoscere alcune nozioni di base di anatomia della parte interessata.

Anatomia della parte bassa della schiena

Dolori alla schiena bassa a chi rivolgersi

La colonna vertebrale è composta da una vasta gamma di strutture che lavorano insieme per fornire supporto, forza, stabilità e flessibilità alla schiena. La parte bassa della schiena contiene:

  • Cinque vertebre lombari, che sono gli elementi costitutivi ossei della colonna vertebrale.
  • Dischi in gel che forniscono ammortizzazione tra ogni vertebra, prevenendo un’eccessiva usura.
  • Numerosi muscoli che controllano il movimento della schiena e dei fianchi, permettendoci di piegarci e contorcersi.
  • Legamenti che forniscono stabilità all’interno delle vertebre.
  • Nervi che forniscono sensazione e potenza a fianchi, gambe e piedi.
  • Faccette articolari, che sono articolazioni ossee nella parte posteriore della colonna vertebrale che assistono nel trasferimento del carico e guidano il movimento.

Questi componenti sono normalmente efficaci nel permetterti di svolgere le attività quotidiane senza dolore o disfunzioni. Tuttavia, a volte, alcune di queste strutture non funzionano come dovrebbero, causando dolore che può impedire di completare le attività necessarie.

Quali tipi di lombalgia esistono?

Dolori alla schiena bassa a chi rivolgersi

  • Acuta. Si tratta di una lombalgia che può essere molto dolorosa e durare da pochi giorni a qualche settimana. Senza un’adeguata assistenza e guida, la lombalgia acuta può continuare per mesi.
  • Cronica. Questa è definita come una lombalgia che continua per oltre 12 settimane, anche dopo che la lesione iniziale è guarita. Circa il 20% delle persone con lombalgia acuta soffrirà di lombalgia cronica un anno dopo la lesione iniziale.

Quali sono le cause della lombalgia?

La lombalgia può essere causata da numerosi fattori, tra cui:

  • Compressione dei nervi.
  • Alterazioni degenerative (osteoartrosi e malattia degenerativa del disco).
  • Muscoli tesi e tirati.
  • Lesione delle faccette articolari.
  • Restringimento del canale del midollo spinale.
  • Rigidità nella parte superiore della colonna vertebrale/schiena.

Cosa aumenta le possibilità di lombalgia?

  • Età 

Alcuni componenti, citati nel paragrafo: anatomia della parte bassa della schiena, possono subire usura con l’avanzare dell’età. L’osteoartrite e la malattia degenerativa del disco sono esempi di due condizioni legate all’età che possono causare dolore e rigidità attraverso la parte bassa della schiena in coloro che ne soffrono.

  • Occupazione

Quello che facciamo per lavoro ha una grande influenza sul fatto che sviluppiamo la lombalgia. Completare gli stessi compiti ogni giorno, come piegarsi, sollevare pesi e stare seduti a lungo, può mettere a dura prova le strutture nella parte bassa della schiena, causando l’insorgere di problemi dolorosi all’interno delle strutture della parte bassa della schiena.

  • Peso corporeo

Varie ricerche hanno dimostrato che gli individui più pesanti tendono a sperimentare un aumento dei tassi di lombalgia. Questo dolore è causato dall’aumento di peso che la schiena deve sostenere. Man mano che il nostro peso aumenta intorno al nostro corpo, sperimentiamo una maggiore pressione attraverso la colonna vertebrale, che a sua volta porta a un maggiore sforzo sui muscoli della parte bassa della schiena e all’usura dei nostri dischi e delle articolazioni.

  • Scarsa forza della muscolatura centrale

I muscoli centrali e la schiena lavorano in tandem per mantenere la postura. Pertanto, quando la muscolatura centrale non funziona come dovrebbe, la parte bassa della schiena è sottoposta a maggiore sforzo, costringendo la schiena a lavorare di più per mantenere la postura durante il giorno

Cosa fare quando si presentano i dolori alla schiena bassa!

Il primo step da fare è quello di rivolgersi, senza esitazioni, al proprio medico curante. Il medico curante sarà in grado di indirizzare il paziente da uno specialista (fisiatra, ortopedico o neurochirurgo), a secondo della gravità del problema. In seguito potrebbero essere necessari diversi tipi di test, come radiografie, risonanza magnetica ed esami del sangue, per determinare la causa esatta del mal di schiena. A titolo informativo bisogna considerare che la maggior parte dei problemi di schiena bassa, tendono a risolversi senza il bisogno di ulteriori consulti.

La Fisioterapia per il mal di schiena!

La fisioterapia è un trattamento che aiuta a migliorare il movimento e la funzione delle articolazioni e dei muscoli. Può aiutare a ridurre il mal di schiena e farti tornare a muoverti normalmente. Può anche aiutare a ridurre il rischio di recidive.

 I fisioterapisti usano molti trattamenti e tecniche per aiutare con il mal di schiena e comunicano consigli utili, su come prendersi cura della schiena. Se soffri di mal di schiena che causa problemi significativi o che non migliora dopo alcune settimane, potrebbe valere la pena consultare un fisioterapista. La fisioterapia  può essere utile per diversi tipi di mal di schiena. Ad esempio può essere utile per:

  • Lombalgia non specifica, in cui non è stata identificata alcuna causa (come una condizione medica sottostante o una lesione).
  • Dolore sciatico: si diffonde dalla schiena alle gambe e può essere causato da un disco protuso .
  • Mal di schiena causato dall’invecchiamento dei dischi della colonna vertebrale (malattia degenerativa del disco).
  • Stenosi spinale: quando lo spazio intorno al midollo spinale si restringe, esercitando pressione sul midollo spinale e causando dolore.

Il tuo medico di famiglia può scegliere di indirizzarti presso un fisioterapista oppure puoi fissare tu stesso un appuntamento. Il medico di famiglia o fisioterapista può raccomandare la fisioterapia come parte di un percorso di trattamenti che includono terapia manuale pratica, un programma di esercizi, antidolorifici  e, se necessario, supporto psicologico.

Cosa succede dal Fisioterapista?

Quando ti rivolgi per la prima volta a un fisioterapista, inizialmente ci sarà un colloquio nel quale verrà chiesta la tua una storia medica dettagliata. Ti chiederanno informazioni su eventuali condizioni mediche che hai, sul tuo stile di vita, sul tuo ambiente di lavoro e sui farmaci che prendi. Vorranno anche sapere quali sintomi hai avuto e cosa tende a scatenarli. Successivamente, eseguiranno un esame fisico dettagliato, incluso l’esame di come ti muovi e come funziona la tua schiena.

Le terapie manuali

Il fisioterapista, a seguito dell’anamnesi, potrebbe suggerirti di provare una delle seguenti tecniche manuali (pratiche). Queste terapie rientrano sempre in un programma di esercizi.

  • La mobilizzazione significa che il fisioterapista utilizza movimenti lenti e delicati per allungare la colonna vertebrale. L’obiettivo è riportare la schiena alla sua normale gamma di movimento.
  • Manipolazione significa che il fisioterapista effettua rapidi movimenti di spinta con le mani in un punto particolare della colonna vertebrale. Potresti sentire un suono “pop” quando lo fanno.
  • Il massaggio può essere utilizzato per il trattamento della lombalgia, ma solo insieme a un programma di esercizi.

Conclusioni 

Speriamo di aver contribuito a rispondere alla domanda iniziale: dolori alla schiena bassa a chi rivolgersi? Le tecniche della fisioterapia conservativa sono le più indicate per porre rimedio a questa tipologia di dolori. Se siete interessati ai programmi di Fisioterapiadonna.it, non avete che da chiedere! Se siete curiosi di scoprire tutti i trattamenti che possiamo mettere a vostra disposizione o avete dubbi o domande da chiarire, noi ci siamo.

Potete contattarci direttamente per fissare una valutazione al 3939054502.

Seguici anche su Facebook

Telefono
Whatsapp
Email