Dolori alla colonna vertebrale zona lombo sacrale a chi rivolgersi

by

La lombalgia (LBP) è uno dei motivi più comuni durante le visite mediche. Migliaia di persone soffrono di questo disturbo e spesso non lo affrontano nel modo corretto. Proprio per questo motivo oggi affronteremo l’argomento: dolori alla colonna vertebrale zona lombo sacrale a chi rivolgersi?

Dolori alla colonna vertebrale zona lombo sacrale a chi rivolgersi? Alcune considerazioni veloci!

  • Colpisce quasi il 60-80% delle persone per tutta la vita.
  • Alcuni studi hanno dimostrato che fino al 23% degli adulti nel mondo soffre di lombalgia cronica. Questa popolazione ha anche mostrato un tasso di recidiva a un anno dal 24% all’80%.
  • Alcune stime della prevalenza una tantum raggiungono l’84% nella popolazione adulta.
  • Una revisione sistematica ha dimostrato un tasso annuo di adolescenti che soffrono di mal di schiena dall’11,8% al 33%.
  • L’11-12% della popolazione è disabile a causa della lombalgia.

Definizione

Esistono diverse definizioni di lombalgia a seconda della fonte. Secondo le linee guida europee per la prevenzione della lombalgia, la lombalgia è definita come “dolore e fastidio, localizzati al di sotto del margine costale e sopra le pieghe glutei inferiori, con o senza dolore alle gambe”. Un’altra definizione, secondo S .Kinkade, che assomiglia alle linee guida europee, è che la lombalgia è “il dolore che si manifesta posteriormente nella regione tra il margine inferiore delle costole e le cosce prossimali”. La forma più comune di lombalgia è quella chiamata “Lombalgia aspecifica” ed è definita come “lombalgia non attribuita a patologia specifica riconoscibile e nota”.

Classificazioni  

La lombalgia è solitamente classificata in 3 sottotipi, in base alla durata:

  • Acuta. La lombalgia acuta è un episodio di lombalgia per meno di 6 settimane.
  • Subacuta. La lombalgia subacuta tra 6 e 12 settimane.
  • Cronica. La lombalgia cronica per 12 settimane o più.

Esame della lombalgia

Dolori alla colonna vertebrale zona lombo sacrale a chi rivolgersi

Il primo scopo dell’esame fisioterapico per un paziente che si presenta con dolore alla schiena è classificare il paziente secondo il triage diagnostico raccomandato nelle linee guida internazionali per il mal di schiena. Cause gravi (come frattura, cancro, infezione e spondilite anchilosante) e specifiche cause di mal di schiena con deficit neurologici (come radicolopatia, sindrome dell’equina caudale) sono rare ma è importante eseguire uno screening per queste condizioni. Le condizioni gravi rappresentano l’1-2% delle persone che si presentano con lombalgia e il 5-10% presenti con cause specifiche LBP con deficit neurologici.

La lombalgia aspecifica e la valutazione in Fisioterapia

Rappresenta oltre il 90% dei pazienti che si presentano alle cure primarie, che poi vengono dirottati verso la fisioterapia. La valutazione della fisioterapia mira a identificare le menomazioni che possono aver contribuito all’insorgenza del dolore o aumentare la probabilità di sviluppare dolore persistente. Questi includono fattori biologici (es. Debolezza, rigidità), fattori psicologici (es. Depressione, paura del movimento e catastrofizzazione) e fattori sociali (es. Ambiente di lavoro). 

La valutazione non si concentra sull’identificazione delle strutture anatomiche (es. Il disco intervertebrale) come fonte di dolore, come potrebbe essere il caso delle articolazioni periferiche come il ginocchio. Precedenti ricerche e linee guida internazionali suggeriscono che non è possibile o necessario identificare la specifica fonte tissutale di dolore per la gestione efficace del mal di schiena meccanico.

Pertanto, l’uso della diagnostica per immagini, soprattutto nel primo mese, non è raccomandato. La gestione diagnostica deve essere utilizzata solo se la lombalgia non risponde ai protocolli raccomandati e la gestione della condizione deve essere modificata o si sospetta una patologia più grave.

Lombosciatalgia e dolore alle gambe

Il dolore alle gambe è un frequente accompagnamento alla lombalgia, derivante da disturbi delle strutture neurali o muscolo-scheletriche della colonna lombare. La differenziazione tra le diverse fonti di dolore alle gambe irradiato è importante per fare una diagnosi appropriata e identificare la patologia sottostante.

Recentemente è stato proposto di dividere il dolore alle gambe, correlato alla lombalgia, in quattro sottogruppi a seconda dei meccanismi patogenetici predominanti. Ogni gruppo si presenta con uno schema distinto di sintomi e segni, sebbene possa esserci una considerevole sovrapposizione tra le classificazioni.

L’importanza di distinguere la lombalgia alle gambe in questi quattro gruppi è di facilitare la diagnosi e fornire un trattamento più efficace e appropriato:

  1. Sensibilizzazione centrale con sintomi principalmente positivi come l’iperalgesia.
  2. Denervazione con danno assonale significativo che mostra sintomi sensoriali prevalentemente negativi e possibilmente perdita motoria.
  3. Sensibilizzazione dei nervi periferici con maggiore meccano sensibilizzazione del tronco nervoso.
  4. Dolore riferito somatico da strutture muscolo-scheletriche, come il disco intervertebrale o le faccette articolari.

Dolori alla colonna vertebrale zona lombo sacrale a chi rivolgersi? Il Fisioterapista!
Chiama la Dott.ssa Devecchi 3939054502 per maggiori informazioni

Gestione medica della lombalgia

La terapia medica può prevedere:

  • Un breve corso di FANS orali.
  • Analgesici oppioidi e non oppioidi.
  • Rilassanti muscolari.
  • Anticonvulsivanti per il dolore neurogeno.
  • Iniezioni di corticosteroidi localizzate.
  • Il massaggio dei tessuti profondi può essere utile.
  • Consulto di terapia fisica (vedi sotto).
  • Valutazione chirurgica e correzione di eventuali anomalie strutturali come ernia del disco, ematoma epidurale, ascesso epidurale o tumore.

Gestione della terapia fisica

La fisioterapia è una delle forme di trattamento più utilizzate per ottenere sollievo dalla lombalgia. Viene utilizzato in entrambe le modalità, sia come singola linea di trattamento che in combinazione con altri trattamenti come massaggio, calore, trazione, ultrasuoni o diatermia ad onde corte. La schiena umana è fondamentalmente un sistema molto complesso di serie di elementi ad incastro tra cui vertebre, dischi, faccette articolari, legamenti e muscoli. 

Aspetti chiave

Di seguito abbiamo brevemente elencato gli aspetti chiave del ruolo della fisioterapia nella gestione della lombalgia.

  1. Consigli e attività precoce. Esistono prove significative per dimostrare che incoraggiare il movimento precoce in caso di dolore lombare è uno degli aspetti più significativi del trattamento in questa condizione.
  2. Mobilizzazione o fisioterapia manipolativa. Questo aspetto si concentra sulla promozione della mobilizzazione della specifica area interessata. L’approccio della fisioterapia manipolativa viene utilizzato per indirizzare il punto specifico del dolore allo scopo.
  3. Esercizi di stabilizzazione specifici. In questo aspetto della fisioterapia, l’accento è posto sul miglioramento della forza e della stabilità dei muscoli indeboliti a causa del dolore lombare.
  4. Esercizi generali e allungamenti. Una serie di esercizi e allungamenti adeguatamente strutturati vengono solitamente eseguiti nel contesto delle condizioni individuali del paziente e della causa del dolore lombare.
  5. Consiglio ergonomico. Poiché i rischi legati al lavoro rappresentano oltre il 65% dei problemi lombari, i fisioterapisti si concentrano anche sul fornire un dispositivo ergonomico accurato, guidando il paziente sull’utilizzo dell’infrastruttura appropriata al lavoro per evitare e curare il mal di schiena.
  6. Linee guida posturali. Questo aspetto della fisioterapia si concentra sulla guida del paziente sulle corrette abitudini posturali e sui modi per mantenere una postura accurata per evitare il dolore lombare.

Tipi di terapie fisiche

Esistono fondamentalmente due tipi di terapie fisiche coinvolte nel fornire una cura per la lombalgia.

  • Terapia fisica attiva

La terapia fisica attiva è estremamente importante per riabilitare la colonna vertebrale. Per ottenere risultati efficaci, un programma di esercizi per la schiena generalizzato dovrebbe includere quanto segue:

    • Stretching per l’esercizio del dolore alla schiena, che include semplici allungamenti dei muscoli posteriori della coscia.
    • Rafforzamento per l’esercizio del mal di schiena, che coinvolge 15-20 minuti di stabilizzazione lombare dinamica o altri esercizi prescritti.
    • Condizionamento aerobico a basso impatto.
  • Fisioterapia passiva

Nei casi in cui l’esercizio sia troppo doloroso o altrimenti impossibile, il terapeuta può prendere in considerazione terapie passive da associare al lavoro attivo e manuale per ridurre il dolore e infiammazione, tra cui:

    • TENS.
    • Ionoforesi.
    • Ultrasuoni.
    • Tecar terapia 

Ci sono una serie di esercizi di stretching, allenamento con i pesi e vari esercizi che aiutano ad alleviare il dolore lombare. I principali tra questi includono:

    • Allungamento della catena cinetica posteriore
    • Sblocco diaframmatico 
    • Stretching dal ginocchio al petto, dei flessori dell’anca, del piriforme.
    • Esercizi di stabilizzazione lombare
    • Rinforzo e stabilizzazione del core
    • Rinforzo della zona pelvi perineale

Conclusione

L’argomento odierno era: Dolori alla colonna vertebrale zona lombo sacrale a chi rivolgersi. Abbiamo visto che il fisioterapista è il professionista in grado di aiutare i pazienti a guarire. A seconda delle caratteristiche personali del paziente, il fisioterapista può individuare il problema è la migliore soluzione.

Fisioterapia donna è un progetto per far fronte ai bisogni delle donne, grazie ad un approccio multidisciplinare per trasformare ogni donna nel meglio di sé. Se siete curiosi di scoprire tutti i trattamenti che possiamo mettere a vostra disposizione o avete dubbi o domande da chiarire, noi ci siamo. Potete contattarci direttamente o inoltrarci una mail con le vostre richieste, faremo il possibile fornirvi le risposte che cercate.

Chiama la Dott.ssa Devecchi 3939054502 per maggiori informazioni

Seguici anche su Facebook

Telefono
Whatsapp
Email