Dalla gravidanza alla menopausa cosa succede al nostro pavimento pelvico

by

Il pavimento pelvico o diaframma pelvico è composto da un complesso di muscoli e legamenti, che forniscono sostegno agli organi contenuti nella cavità addominale.
Il rilasciamento di queste strutture può essere causato da:

  • gravidanza,
  • parto,
  • obesità
  • fattori che aumentano la pressione endoaddominale( tosse,stitichezza).

Durante la gravidanza la tonicità del pavimento pelvico è importante, il suo compito è sostenere il peso:

  • dell’intestino,
  • vescica,
  • utero bambino
  • placenta.

Durante il parto il pavimento pelvico e il perineo sono sottoposti a sollecitazioni e talvolta a lesioni che possono causarne indebolimento. È importante non trascurare eventuali sintomi, poiché esercizi adeguati sono fondamentali per ripristinarne la funzionalità.

Nella età senile si assiste ad una progressiva atrofia delle mucose e del collagene a cui prosegue un progressivo allungamento dei muscoli e delle strutture anatomiche di sostegno, il tutto aggravato dalla carenza di estrogeni, la cui produzione si riduce drasticamente.

Gli estrogeni hanno azione fondamentale sul trofismo delle strutture componenti il pavimento pelvico e sulle mucose vaginali.

Le conseguenze possono essere:

  1. comparsa di prolasso utero-vaginale, talvolta accompagnato dall’abbassamento:
    • della parete vescicale(cistocele),
    • della parete anteriore del retto(rettocele),
  2. raramente la ernia del Douglas.

Tutto questo può comportare l’insorgere di:

  • sintomatologia fastidiosa,
  • senso di premiato in vagina,
  • dolore lombo-sacrale disturbi urinari,
  • pollachiuria(bisogno di urinare frequentemente) incontinenza,
  • o al contrario ritenzione di urina,
  • difficoltà a defecare.

Nei casi più gravi la terzo può pro passare fino a fuoriuscire dalla vagina.

Telefono
Whatsapp
Email