Come cambia il corpo con la pubertà nelle ragazze

Come cambia il corpo con la pubertà nelle ragazze

by

La pubertà è un momento di grandi cambiamenti nel corpo. Il più delle volte questa transizione avviene senza che i genitori e le dirette interessate, abbiano nozioni su come cambia il corpo con la pubertà nelle ragazze. In questo articolo Fisioterapiadonna.it, affronta l’argomento.

Come cambia il corpo con la pubertà nelle ragazze? Ce lo racconta Fisioterapiadonna.it 

La pubertà è il passaggio dell’infanzia al periodo dell’adolescenza, ovvero è il momento di passaggio dalla fase infantile, all’età adulta. È la chiave di volta che ci trasforma da bambini a persone adulte, da una immaturità a una maturità biologica. La pubertà è la cosiddetta adolescenza somatica, cioè sono le differenziazioni dei caratteri sessuali secondari. L’adolescenza dura in genere cinque o sei anni. Nel maschio il testosterone aumenta di 10-20 volte, mentre nella femmina è l’estrogeno che aumenta 8-10 volte. Questi picchi di ormoni stravolgono letteralmente il corpo, innescando dei cambiamenti visibili e meno visibili. Per chi vive questa transizione è facile pensare maggiormente al proprio corpo sentendosi a volte a disagio.

Per maggiori informazioni chiama il 3939054502

Conoscere o ignorare?

Per far fronte a questo disagio i genitori dovrebbero rassicurare le proprie figlie, dicendole che tutti i segni di cambiamento sono naturali e non ci sono regole su quando e quanto velocemente le cose dovrebbero accadere. Un seno si sviluppa più velocemente dell’altro? Non c’è nulla di cui preoccuparsi: per la maggior parte, questo processo si riequilibrerà nel tempo. Ad esempio sappiamo che l’effetto degli ormoni sessuali contribuiscono a una sudorazione maggiore e più pungente che però può essere ovviata con docce più frequenti e deodoranti. Bisogna inoltre considerare che molti cambiamenti del corpo durante la pubertà nelle femmine, sono interni e invisibili. Un supporto da parte dei genitori e in particolare da parte della mamma, può aiutare a capire meglio cosa sta succedendo e perché.

Le fasi di età evolutiva 

Conoscere le differenti fasi aiuta sia i genitori a comprendere e supportare i cambiamenti in corso. Essere consapevoli che questo cambiamento abbia un inizio e una fine e che avvenga in un lasso di età definito, aiuta le ragazze ad essere consapevoli di quello che sta avvenendo, senza falsi timori dettati per lo più dal fatto che si ignorano. Il seguente specchietto può essere d’aiuto:

Uno specchietto utile!

  • Età 8-9 anni, la vagina e l’utero iniziano a cambiare e crescere.
  • 8-14, appare il pelo pubico che si completa nell’arco di 2 anni. 
  • Verso i 12-13 anni c’è l’aumento staturale massimo (fino a 20 cm e oltre). In genere il termine dell’accrescimento scheletrico avviene intorno ai 16-17 anni.
  • Età 8-14, i seni iniziano a svilupparsi.
  • Età 8-14, appare il primo scarico dalla vagina. 
  • Età 10-13, iniziano le mestruazioni. Tra i 15-16 anni si regolarizzano le mestruazioni.
  • Età 10-15, il torace è completamente sviluppato.

Non sorprendetevi in merito alle forbici di età, sono solo medie e dovrebbero essere utilizzate solo come guida. Indicano una media di quando si verificano i cambiamenti fisici di una ragazza durante la pubertà. Tuttavia una differenza, anche di anni, è assolutamente normale.

Hai domande specifiche sulla domanda: come cambia il corpo con la pubertà nelle ragazze? Vuoi essere realmente di aiuto ai tuoi figli, aumentando la loro consapevolezza sul loro corpo? Fisioterapiadonna.it con i suoi specialisti possono dare una mano. Chiama il numero 3939054502 per fissare un appuntamento!

Il passaggio dall’infanzia all’adolescenza e all’età adulta: 

Il passaggio dall’infanzia all’adolescenza e all’età adulta.

 

  • I sessi diventano potenzialmente riproduttivi.
  • Si sviluppano le caratteristiche sessuali secondarie.
  • Si verifica un improvviso incremento staturale spesso di tipo disarmonico

Le differenziazioni dei due sessi, maschile e femminile, sono determinate dai caratteri sessuali: 

  • Caratteri sessuali primari e quindi gli organi della riproduzione. 
  • Caratteri sessuali secondari che sono le differenze fisiologiche anatomiche che caratterizzano la pubertà

Se si analizza un maschio e una femmina in età infantile, senza vedere il sesso anatomico, sarebbe facile confondere i due sessi, perché i caratteri sessuali secondari in età infantile sono simili nel maschio e nella femmina. La pubertà è quindi quel periodo di cambiamenti fisici, attraverso i quali il corpo di un bambina diventa adulto e quindi in grado di riprodursi. Nelle bambine in genere la pubertà (con il menarca) si manifesta attorno ai 10-13 anni, con una variabilità comunque ulteriore (9-15/16)

Per saperne di più chiama il 3939054502!

Che cosa condiziona l’inizio della pubertà, gli ormoni! 

Che cosa condiziona l’inizio della pubertà, gli ormoni! 

Uno stimolo che parte dal cervello, da una struttura che si chiama ipotalamo, stimola l’ipofisi (ghiandola) a produrre due ormoni:

  • L’FSH, ormone follicolo-stimolante;
  • LH, gonadotropina. 

Questi ormoni vanno a influenzare gli organi sessuali primari, testicolo e ovaio, e inducono nell’ovaio la produzione e la maturazione della cellula germinale femminile, che è la cellula uovo. La cellula germinale femminile produrrà gli ormoni tipici femminili che sono gli estrogeni e il progesterone. Nella femmina l’ipotalamo stimola la produzione di Gn-RH (gonadotropine) che stimola la ghiandola dell’ipofisi a produrre l’FSH. L’FSH provoca la maturazione dei follicoli ovarici, i quali produrranno l’ormone femminile che è l’estrogeno

Le mestruazioni

  • Durante il ciclo femminile, quando il follicolo dominante nell’ovaio è pronto, l’ipofisi produce l’ormone luteinizzante (LH) che provoca lo scoppio del follicolo (ovulazione) con l’uscita della cellula germinale femminile, cioè l’ovulo dalle ovaie, e conseguente produzione di progesterone
  • La cellula percorre le tube e arriva nella cavità uterina. La caduta del tasso di estrogeni e progesterone, in assenza di concepimento, è responsabile della mestruazione

Questo evento determina lo sviluppo delle mammelle, l’allargamento del bacino, la comparsa dei peli pubici e ascellari, lo sviluppo dei pannicoli adiposi sottocutanei tipicamente femminili.

Chiama subito il 3939054502 e parla con noi!

Gli effetti degli estrogeni nella donna: 

Gli effetti degli estrogeni nella donna.

  • Nel cervello contribuiscono al mantenimento della temperatura corporea e al controllo della memoria
  • A livello del cuore e fegato regolano il livello del colesterolo e hanno un ruolo preventivo della aterosclerosi coronarica
  • Nelle ovaie stimolano la maturazione dei follicoli ovarici e la maturazione puberale
  • Nell’utero stimolano la maturazione dell’utero, che lo rende capace di portare a compimento una gravidanza una volta che c’è stato un concepimento
  • A livello vaginale gli estrogeni sono responsabili della maturazione e mantenimento della lubrificazione e dello spessore vaginale
  • Gli estrogeni stimolano l’accrescimento del seno alla pubertà e preparano la ghiandola mammaria alla produzione di latte post-partum
  • Per le ossa gli estrogeni contribuiscono a mantenere la densità ossea
  • La valutazione dello stadio puberale si fa attraverso la valutazione degli stadi di Tanner, che sono cinque: il primo stadio è lo stato di impubere (che non ha ancora raggiunto la pubertà), mentre l’ultimo è quello dello sviluppo completo. 

Il primo segno di sviluppo puberale è: 

  • Nel maschio, un aumento del volume dei testicoli (maggiore di 4 centimetri cubi)
  • Nella donna è l’aumento del volume della ghiandola mammaria (telarca)

Vuoi essere realmente di aiuto a tua figlia, aumentando la sua consapevolezza nel sapere come cambia il corpo con la pubertà nelle ragazze? Fisioterapiadonna.it con i suoi specialisti possono dare una mano. Chiama il numero 3939054502 per fissare un appuntamento!

Apparato genitale femminile e funzione sessuale 

Sul tema sessualità e adolescenza, abbiamo già avuto modo di scrivere, in questo contesto ci limitiamo a descrivere l’apparato genitale femminile che è caratterizzato: 

  • Da un apparato esterno chiamato vulva;
  • Uno interno interno, composto dalla vagina, l’utero, le tube di Falloppio (salpingi), le ovaie e le ghiandole mammarie.

È interessante tuttavia sapere che molta gente pensa al clitoride come se fosse solo il cappuccio del clitoride. In realtà il clitoride è una struttura estremamente complessa caratterizzata non solo dal glande del clitoride. Il clitoride ha due corpi cavernosi che misurano nove centimetri di lunghezza. Sono posti al di sotto delle branchie pubiche e i corpi cavernosi sono in stretto contatto con due ghiandole che si chiamano bulbi del vestibolo e che abbracciano il canale vaginale e l’uretra. Questo per spiegare come in realtà, anche nel rapporto penetrativo, il clitoride gioca un ruolo importantissimo nell’eccitazione e per l’orgasmo. Infatti durante la penetrazione comunque i bulbi del clitoride si gonfiano, aumentano di congestione e di volume, perchè vengono stimolati dal rapporto penetrativo; provocando la risposta orgasmica.

L’Orgasmo clitorideo

È vero che può esistere una risposta orgasmica mediante la sola stimolazione clitoridea senza il rapporto penetrativo, ma è comunque vero che il clitoride interviene anche nel piacere orgasmico coitale, perché vengono stimolate le crura del clitoride e i bulbi del vestibolo. L’apparato genitale femminile interno è caratterizzato dalla vagina, organo unico posto in centro ed estremamente distensibile, se pensiamo che consente il passaggio di un feto al termine di una gravidanza; in fondo alla vagina si affaccia l’utero che è caratterizzato da un corpo uterino, che è l’organo nel quale viene ospitata una eventuale gravidanza.

Sapevate che la donna produce testosterone?

Sapevate che la donna produce testosterone?

Per quanto riguarda il testosterone nella donna ovviamente nella bambina il dosaggio è bassissimo, pressoché inesistente. Aumenta appunto con lo sviluppo puberale e con il passaggio alla vita adulta e il dosaggio del testosterone nella donna ha un valore massimo tra i 20 e i 40 anni. Dopo tende progressivamente a diminuire. Nella donna il testosterone è prodotto dalle ovaie e dal corticosurrene. Nell’uomo il testosterone è prodotto dal testicolo e dal corticosurrene.

Conclusione

Speriamo di essere riusciti a trasmettere alcuni concetti basici in merito alla domanda iniziale: come cambia il corpo con la pubertà nelle ragazze? Fisioterapia donna è un progetto per far fronte ai bisogni delle donne, grazie a un approccio multidisciplinare per trasformare ogni donna nel meglio di sé. Se avete curiosità o domande sull’argomento; potete contattarci direttamente o inoltrarci una mail con le vostre richieste, faremo il possibile fornirvi le risposte che cercate. Non esitate a contattarci, uno dei nostri fisioterapisti, sarà disponibile per rispondere alle vostre domande sull’argomento.

Per un appuntamento potete contattarci al 3939054502 o scrivendoci una mail a: dvcgiusi224@gmail.com.

Seguici anche su Facebook

Telefono
Whatsapp
Email