Cistiti ricorrenti

by

Cosa sono le cistiti ricorrenti? Quali problemi provocano e come si trattano? Se siete interessati a questo argomento, in questo articolo parleremo di questo tipo di cisti, affrontando la tematica a 360°.

Cistiti ricorrenti, cosa sono e come si curano?

In questo articolo parleremo di:

  • Perché alcune donne hanno la cistite ricorrente?
  • Cosa posso fare per aiutare a prevenire la cistite?
  • Quali sono le opzioni terapeutiche per la cistite ricorrente?
  • Cistite correlata al rapporto sessuale.
  • Quanto spesso si verifica la cistite ricorrente?

Cistite significa infiammazione della vescica, in genere è causata da un’infezione delle vie urinarie dovuta a batteri presenti nell’urina, che dalle vie urinarie risalgono verso l’uretra.

La maggior parte delle infezioni delle vie urinarie è causata dal:

  • Batterio Escherichia coli (80% dei casi).
  • S. Saprophyticus dal 5 al 15%.
  • Klebsiella dal 10 al 15%.
  • Proteus mirabilis e altri microrganismi intestinali.

Alcune donne possono avere ripetuti attacchi di cistite, tuttavia i medici definiscono un’infezione ricorrente come tre infezioni separate comprovate in un anno o due in sei mesi. In molti casi non vi è alcuna ragione apparente per una donna di avere frequenti attacchi di cistite. Esistono diverse opzioni di trattamento da considerare. Questo potrebbe essere il trattamento farmacologico tempestivo di ogni episodio: un breve ciclo di antibiotici, una bassa dose regolare di antibiotici a lungo termine o l’assunzione di una singola dose di antibiotico dopo aver fatto sesso.

Perché alcune donne hanno la cistite ricorrente?

Cistiti ricorrenti

Il corpo ha difese per prevenire la formazione di cistite da parte di germi (batteri). Il muco attorno alla vagina e all’apertura dell’uretra è leggermente acido il che impedisce ai batteri di moltiplicarsi. Sebbene i batteri possano prosperare nelle urine, svuoti regolarmente la vescica che elimina l’urina. Inoltre, le cellule che rivestono l’uretra e la vescica hanno una certa resistenza ai batteri. Nella maggior parte dei casi, non vi è alcuna ragione apparente per cui la cistite ritorni. Di solito non ci sono problemi con la vescica o il sistema di difesa (immunitario) che possono essere identificati. È possibile che ci sia una leggera alterazione della capacità del corpo di resistere ai batteri che entrano nella vescica e causano infezione oppure una dissinergia tra muscolo detrusore (muscolo liscio e involontario che riveste la vescica ) e l’elevatore dell’ano ( muscolo striato quindi volontario che ci permette di contenere). Una leggera variazione nella difesa del corpo può rovesciare l’equilibrio a favore dei batteri per causare infezione.mentre una dissinergia può essere causa di un mancato totale svuotamento della vescica il che crea un ristagno di urina con conseguente proliferazione batterica. 

Per alcune donne, una delle seguenti cause può contribuire:

  • Problemi alla vescica o ai reni possono portare a una maggiore probabilità di infezioni. Ad esempio, calcoli renali o condizioni che causano la raccolta di urina e il drenaggio non corretto. Il medico può organizzare alcuni test se si sospetta un problema.
  • Fare sesso aumenta la probabilità di cistite in alcune donne.
  • Scelta contraccettiva: l’uso di diaframmi e spermicida può aumentare la probabilità di cistite.
  • Ormoni: la vagina, la vescica e l’uretra rispondono al prodotto chimico (ormone) chiamato estrogeno. Dopo la menopausa, quando i livelli di estrogeni nel corpo si riducono, i tessuti di questi organi diventano più sottili, più deboli e asciutti. Questi cambiamenti possono aumentare il rischio di cistite ricorrente. La cistite è anche più comune durante la gravidanza a causa di cambiamenti nel tratto urinario.

Cosa posso fare per aiutare a prevenire la cistite?

Apportare qualche cambiamento nello stile di vita potrebbe aiutare a prevenire la cistite. Una particolare attenzione all’igiene, come abbiamo detto il Ph vaginale leggermente acido tra i 3,8 e 4,5 rende la nostra vagina autopulente, o meglio in grado di contrastare la proliferazione batterica pertanto si consiglia di usare prodotti rispettosi di tale acidità. Evitare biancheria intima acrilica e colorata, meglio scegliere il cotone . Tradizionalmente, i medici hanno consigliato di bere molti liquidi per “eliminare” i germi e in caso di ritenzione urinaria sono consigliate delle tisane a base di finocchio e integratori a base di mirtillo rosso. Se la cistite ricorrente è un problema, potrebbe essere necessario discutere con il medico per valutare una terapia farmacologica.

Quali sono le opzioni terapeutiche per la cistite ricorrente?

Auto-trattamento rapido di ogni attacco di cistite

I farmaci antibiotici sono generalmente necessari per il trattamento di attacchi di cistite ricorrente. Se i sintomi sono lievi, di solito è consigliabile attendere i risultati del test delle urine per vedere con quale antibiotico dovresti essere trattato. Tuttavia, se i sintomi sono gravi o peggiorano, allora dovresti iniziare gli antibiotici senza alcun ritardo.

Ad alcune donne viene prescritta una scorta di antibiotici. È quindi possibile trattare un attacco di cistite non appena i sintomi iniziano senza dover aspettare di vedere un medico. Un ciclo di tre giorni di antibiotici è il solito trattamento per ogni attacco di cistite. Gli antibiotici comunemente usati includono trimetoprim e nitrofurantoina.

Idealmente, dovresti fare un campione di urina (MSU) a metà flusso da inviare al laboratorio prima di iniziare a prendere qualsiasi antibiotico. Dovresti consultare un medico se i sintomi non scompaiono entro pochi giorni o se peggiorano.

Se hai attraversato la menopausa gli estrogeni vaginali possono essere un’opzione

Se hai attraversato la menopausa e hai avuto il tuo ultimo periodo naturale (post-menopausa), i livelli ormonali saranno scesi. Come spiegato in precedenza, ciò porta a cambiamenti nella vagina e dell’uretra che possono aumentare le possibilità di ottenere cistiti ricorrenti, nonché altri problemi come secchezza e sesso doloroso.

È stato dimostrato che gli estrogeni vaginali riducono il numero di attacchi di cistite nelle donne in post-menopausa che soffrono di cistite ricorrente. Tuttavia, non è efficace quanto l’assunzione regolare di antibiotici. Di solito è preso come una compressa di estradiolo che si inserisce nella vagina durante la notte due volte a settimana o come un anello che rilascia continuamente estradiolo e rimane nella vagina per tre mesi alla volta. Può aiutare anche nelle donne in post-menopausa che non presentano nessuno degli altri sintomi vaginali.

Cistite correlata al rapporto sessuale

Alcune donne scoprono di essere inclini alla cistite entro un giorno, circa dopo aver fatto sesso. Ciò può essere in parte dovuto ai movimenti durante il sesso che possono spingere i germi (batteri) nella vescica. Potrebbe esserci anche un leggero danno al tubo di uscita dell’urina (uretra). Questo leggero danno incoraggia i batteri a prosperare. Ciò è più probabile se la vagina è secca durante il sesso. Il muco normale dentro e intorno alla vagina può anche essere turbato se si usano spermicidi o contraccettivi del diaframma.

Quanto segue può ridurre la possibilità che la cistite si sviluppi dopo il sesso:

  • Dopo aver fatto sesso, vai in bagno per svuotare la vescica.
  • Se la tua vagina è secca, usa una gelatina lubrificante durante il sesso.
  • L’assunzione di una singola dose di antibiotico entro due ore dopo aver fatto sesso ha dimostrato di ridurre la possibilità che tu abbia la cistite se sei incline a prenderlo dopo il sesso.
  • Non usare spermicidi e / o un diaframma per la contraccezione. Consulta il tuo medico o l’infermiere per consigli su altre forme di contraccezione.

Come può aiutarti la fisioterapia?

Le cistiti ricorrenti sono un problema che indispone e provoca notevoli fastidi alla donna. La fisioterapia e in particolare la ginnastica del pavimento pelvico sono fondamentali in tutti i periodi della vita di una donna, in particolare è importante mantenere l’elasticità muscolare ma soprattutto la sinergia tra muscoli pelvici per permettere un corretto svuotamento vescicale. Un buon allenamento al rilassamento è necessario per permettere il transito dell’urina e per ridurre la sensazione di dolore pelvico che, se trascurato, tenderà a cronicizzare. Per ridurre il dolore possono essere utili anche trattamenti in Tecar terapia, che riducono lo stato infiammatorio e inducono il rilassamento muscolare lenendo cosi il dolore. La Tecar terapia è altresì indicata anche nel trattamento della secchezza vaginale e per ridare elasticità ai tessuti.

 La fisioterapia pertanto ci permette di ridurre la sintomatologia legata al dolore e ad espellere completamente l’urina dalla vescica; impedendo ristagni nella vescica che agevolano la proliferazione batterica e a migliorare il trofismo dei tessuti.

Rimedi Natural per Contrastare la Cistite

La cistite ricorrente può essere prevenuta anche con rimedi naturali da assumere periodicamente per dei cicli. La loro azione si sviluppa in diversi modi, sia modificando l’ambiente vescicale, sia favorendo l’azione estrogenica, vediamoli singolarmente:

  • D-Mannosio: è uno zucchero semplice che arriva ad esercitare un’azione antiadesiva sulle mucose vescicali impedendo in questo modo ai batteri coliformi di attaccarsi e colonizzare. Il D-Mannosio può essere assunto in via preventiva ciclicamente.
  • Mirtillo Rosso o Cranberry: svolge la stessa azione antiadesiva del D-Mannosio. E’ importante fare attenzione che il mirtillo rosso sia quello americano, poiché possiede proprietà diverse da quello europeo. Si può assumere il succo in via preventiva e l’estratto secco al bisogno.
  • Uva Ursina: l’uva ursina è un disinfettante delle vie urinarie. Svolge proprietà alcalinizzante, per questo motivo non deve essere usato per tempi protratti, ma solo per sedare la fase acuta, durante la quale vi è alta acidità, bruciore durante la minzione e continui spasmi.

Se la cistite è ricorrente per un calo di estrogeni dovuti a climaterio o menopausa conclamata è possibile ricorrere ad alcuni rimedi naturali dalle proprietà fito-estrogeniche, chiedendo il parere del proprio medico:

  • Trifoglio Rosso: possiede proprietà fitoestrogeniche utile in caso di secchezza vaginale che potrebbe portare a cistiti ricorrenti anche dovute a rapporti sessuali. E’ bene chiedere sempre il parere del medico, poiché il trifoglio rosso interagisce con alcuni farmaci, in particolare con gli anticoagulanti, con contraccettivi orali a base di estrogeni. E’ sconsigliato qualora siano presenti fibromi uterini, seno policistico o addirittura cancro.
  • Isoflavoni di Soia: è un simil estrogeno, quindi non così potente come il trifoglio rosso, ma aiuta a controllare gli sbalzi ormonali senza controindicazioni, contrasta le vampate di calore, il nervosismo e la secchezza vaginale.
  • Cimicifuga: o “erba delle donne”, è un regolatore simil-estrogenico adatto per tutte le età: contrasta la dismenorrea, la sindrome premestruale, e durante il climaterio o in menopausa a sedare le vampate di calore e la secchezza vaginale. La Cimicifuga è sconsigliata a chi è affetto da patologie a carico del fegato o se allergici all’acido acetilsalicilico.

 Se sei interessata al trattamento delle cistiti ricorrenti, chiamaci, siamo in grado di poterti supportare per eliminare al più presto questo fastidioso problema. 3939054502

Seguici anche su Facebook

Telefono
Whatsapp
Email