Cistiti ricorrenti cause

Cistiti ricorrenti cause

by

Sappiamo che la cistite ricorrente è solitamente definita come l’insieme di tre episodi di infezione del tratto urinario (UTI); nei 12 mesi precedenti oppure due episodi nei sei mesi precedenti. In questo articolo tratteremo il tema cistiti ricorrenti cause, cosa le provoca e cosa può fare per voi la Fisioterapia. 

Cistiti ricorrenti cause, ne parliamo con Fisioterapiadonna.it

La cistite interstiziale, o CI, è una condizione cronica ed estremamente debilitante della vescica urinaria. Questa condizione è solitamente accompagnata da eccessiva urgenza e frequenza della minzione, dolore sovrapubico, dispareunia o dolore durante o dopo il sesso, dolore pelvico cronico e colture di urine negative per eventuali infezioni potenziali. I sintomi di questa condizione possono variare da persona a persona, a seconda di molti fattori. Alcuni dei fattori scatenanti che possono infiammare un episodio di CI possono essere: mestruazioni, sedersi per un lungo periodo di tempo, esercizio fisico, attività sessuale e altri. 

I segni o sintomi che si sperimentano durante una riacutizzazione possono essere:

  • Dolore:
    • al bacino o tra la vagina e l’ano nelle donne.
    • tra lo scroto e l’ano negli uomini (perineo).
    • pelvico cronico.
  • Un bisogno persistente e urgente di urinare.
  • Minzione frequente, spesso di piccole quantità, durante il giorno e la notte (fino a 60 volte al giorno).
  • Dolore o fastidio mentre la vescica si riempie e sollievo dopo aver urinato.
  • Dolore durante i rapporti sessuali.
  • La gravità dei sintomi è diversa per tutti e alcune persone potrebbero avere periodi senza sintomi.

Questi sintomi possono sembrare simili a un UTI, tuttavia, la differenza principale è la mancanza di infezione quando si tratta di IC. Inoltre, se è presente una UTI in qualcuno che già soffre di IC, sicuramente peggiorerà i sintomi. 

Una condizione debilitante!

L’IC può rendere difficile per il paziente partecipare ad attività quotidiane e ricreative senza dolore o disagio. I pazienti spesso riferiscono di aver sperimentato una ridotta capacità della vescica “Mi sento come se avessi una piccola vescica” e una maggiore urgenza che potrebbe rendere molto frequenti i viaggi in bagno. Di conseguenza, i pazienti spesso sperimentano una qualità della vita inferiore, poiché sono costantemente influenzati dai sintomi associati alla CI. Molto spesso, anche il dolore sessuale (dispareunia) è collegato all’IC. Il dolore potrebbe influenzare in modo significativo l’intimità sessuale, così come la salute mentale. Inoltre, il dolore cronico associato all’IC può causare una mancanza di sonno e stress emotivo e spesso portare a una spirale negativa di depressione.

Le cause delle cistiti ricorrenti

Cistiti ricorrenti cause

La cistite è causata da batteri uropatogeni nella flora fecale che colonizzano le aperture vaginali e periuretrali e risalgono l’uretra nella vescica.

La maggior parte delle infezioni delle vie urinarie è causata dal:

  • Batterio Escherichia coli (80% dei casi).
  • S. Saprophyticus dal 5 al 15%.
  • Klebsiella dal 10 al 15%.
  • Proteus mirabilis e altri microrganismi intestinali.

Altre cause

È stato dimostrato che i rapporti sessuali, l’uso di diaframma-spermicida e una storia di infezioni del tratto urinario ricorrente, sono fattori di rischio forti e indipendenti per la cistite. Anche l’uso di preservativi rivestiti di spermicida può aumentare il rischio di infezioni del tratto urinario. È stato dimostrato inoltre che l’uso di antimicrobici influisce negativamente sulla flora vaginale negli animali e nell’uomo e l’uso recente di antibiotici è fortemente associato al rischio di cistite.

Ancora

Le differenze anatomiche pelviche possono avere un ruolo nel predisporre alcune giovani donne a IVU ricorrenti, specialmente quelle senza altri fattori di rischio. Nelle donne in postmenopausa, i livelli ridotti di estrogeni sembrano contribuire alla cistite ricorrente nelle donne sane. La vagina, la vescica e l’uretra rispondono agli estrogeni e quando il livello ormonale nel corpo si riduce, i tessuti di questi organi diventano più sottili, più deboli e secchi. I cambiamenti nei tessuti della vescica e dell’uretra e l’associata perdita di protezione contro i germi che causano infezioni; possono aumentare il rischio di UTI nelle donne in postmenopausa.

Gravidanza

La cistite è anche più comune durante la gravidanza a causa dei cambiamenti nel tratto urinario. Man mano che l’utero cresce, il suo peso aumentato può bloccare il drenaggio dell’urina dalla vescica, causando un’infezione. Le donne corrono un rischio maggiore di cistite ricorrente da 6 a 24 settimane di gravidanza.

Cistiti ricorrenti cause, sei interessata all’argomento? Chiama la Dott.ssa Devecchi 3939054502 per maggiori informazioni

Cistiti ricorrenti cause, cosa può fare la Fisioterapia?

La relazione tra Pavimento Pelvico e le cistiti interstiziali

Su questo argomento ci sono una grande quantità di prove che evidenziano che, in oltre l’85% dei pazienti con diagnosi di CI, esiste una disfunzione del pavimento pelvico! Sebbene il dolore associato all’IC possa essere estremamente debilitante, è importante sapere che i sintomi potrebbero non essere interamente collegati alla vescica. Questi sintomi possono verificarsi a causa della tensione muscolare del pavimento pelvico e dell’incapacità del pavimento pelvico di rilassarsi quando necessario. Potrebbero esserci anche sintomi secondari come costipazione, dolore sessuale, lombalgia e dolore all’anca, 

Cosa può fare la Fisioterapia?

Molte persone con cistite interstiziale (CI) e i loro medici si stanno rivolgendo alla terapia fisica per alleviare i sintomi e il dolore della CI . Questo tipo di terapia è particolarmente utile se soffri di disfunzione del pavimento pelvico (PFD). 

La terapia fisica può assumere diverse forme:

Molti dei sintomi urinari, intestinali o sessuali che i pazienti affetti da IC possono essere segni di PFD, tra cui:

  • Urgenza, frequenza o esitazione urinaria, arresto e avvio, minzione dolorosa o svuotamento incompleto.
  • Costipazione, tensione, dolore con movimenti intestinali.
  • Dolore inspiegabile nella parte bassa della schiena, nella regione pelvica, nell’area genitale o nel retto.
  • Dolore durante o dopo il rapporto o l’orgasmo

Breve ripasso sul pavimento pelvico

Breve ripasso sul pavimento pelvico

Il pavimento pelvico è un gruppo di muscoli che si attacca alla parte anteriore, posteriore e laterale del bacino e al coccige e all’osso sacro. Questi muscoli supportano i tuoi organi pelvici, inclusa la vescica, l’utero o la prostata e il retto, e avvolgono l’uretra, la vagina (nelle donne ) e il retto. La contrazione e il rilassamento coordinati di questi muscoli aiutano a controllare la funzione della vescica e dell’intestino.

Cosa succede al pavimento pelvico durante una IC

Nei pazienti che hanno IC o altre condizioni di dolore pelvico, questi muscoli possono essere tesi o in spasmo, avere una combinazione di tensione e debolezza o avere punti o nodi che provocano dolore chiamati “punti trigger“. Il dolore “riferito” da organi interni, come la vescica, può scatenare questi problemi muscolari, ma i problemi muscolari stessi possono anche scatenare i sintomi della vescica. Inoltre, il dolore può anche essere “riferito” alla pelle e ad altri muscoli, come la parte inferiore dell’addome, la parte bassa della schiena, i glutei, le cosce e l’area perineale. Il dolore può anche “riferirsi” ai tuoi organi interni, contribuendo ai tuoi sintomi.

 

La fisioterapia

La fisioterapia

La terapia fisica per trattare questi problemi può fare molto per alleviare i sintomi del dolore e della vescica. Le tecniche di terapia fisica che aiutano a rilassare e allungare i muscoli tesi e rilasciare i punti trigger sono diverse da quelle che aiutano i pazienti incontinenti.

 Quando inizi a lavorare con un Fisioterapista esperto, la prima cosa che farai è una valutazione, prima di iniziare la terapia. La valutazione può includere la ricerca di problemi muscolari esterni e un esame interno. Il fisioterapista può anche valutare come stai, cammini e ti siedi, per giudicare se le articolazioni e la postura possono influenzare il pavimento pelvico. Problemi respiratori e blocchi diaframmatici, problemi ossei e muscolari nella parte bassa della schiena, fianchi, articolazione sacroiliaca, glutei o cosce; possono stressare i muscoli del pavimento pelvico, contribuendo al dolore pelvico.

La fisioterapia in pratica

Il cardine della terapia fisica per il dolore pelvico è il trattamento pratico. Ciò dovrebbe includere sia tecniche esterne che interne se necessario e solo con consenso del paziente. Le tecniche  possono includere:

  • Massaggio dei tessuti profondi, spesso chiamato “rilascio miofasciale”.
  • Terapia dei punti trigger, per rilasciare punti stretti o “nodi”.
  • Tecar terapia, usata per ridurre il dolore e lo stato infiammatorio, induce il rilassamento muscolare lenendo così il dolore. E’ indicata anche nel trattamento della secchezza vaginale e per ridare elasticità ai tessuti.
  • Mobilizzazione articolare.
  • Biofeedback.

La fisioterapia pertanto ci permette di ridurre la sintomatologia legata al dolore e ad espellere completamente l’urina dalla vescica; impedendo ristagni nella vescica che agevolano la proliferazione batterica e a migliorare il trofismo dei tessuti.

Conclusioni

L’argomento cistiti ricorrenti cause è ampio e complesso, tuttavia speriamo di avervi fornito un quadro che, anche se non esaustivo, possa esservi utile a capire meglio il problema. La fisioterapia e in particolare la ginnastica del pavimento pelvico riducono l’ipertono dei muscoli del pavimento pelvico. Questo migliora sensibilmente la sintomatologia legata al dolore e ad espellere completamente l’urina dalla vescica; impedendo ristagni nella vescica che agevolano la proliferazione batterica. Se sei interessata al trattamento delle cistiti ricorrenti, chiamaci, siamo in grado di poterti supportare per eliminare al più presto questo fastidioso problema.

Chiama la Dott.ssa Devecchi 3939054502 per maggiori informazioni

Seguici anche sulla nostra pagina Facebook!

Telefono
Whatsapp
Email