Incontinenza da stress

Cistiti dopo rapporti sessuali

by

Perché alcune persone sono inclini a contrarre un’infezione delle vie urinarie ogni volta che fanno sesso? L’argomento cistiti dopo rapporti sessuali, deve essere affrontato con la massima apertura mentale dalle donne. In questo articolo verificheremo come può essere d’aiuto la fisioterapia.

Cistiti dopo rapporti sessuali, ne parliamo con Fisioterapiadonna.it

La maggior parte delle donne avrà familiarità con i sintomi della cistite e potrebbe aver dovuto cercare cure mediche per la condizione almeno una volta. Alcune donne possono contrarre regolarmente la cistite, con molte che scoprono di essere particolarmente suscettibili dopo aver fatto sesso. Bene inteso, probabilmente non ti viene un’infezione delle vie urinarie ogni volta che fai sesso ma il sesso, può sicuramente innescare la condizione. In effetti, le infezioni del tratto urinario sono state soprannominate “cistite della luna di miele”, perché i rapporti frequenti possono portare allo sviluppo di un’infezione delle vie urinarie.

Una condizione molto comune

Cistiti dopo rapporti sessuali

Soffri di frequenti infezioni urinarie o cistite? Hai fatto un’analisi delle urine che non mostra infezione, ma hai ancora gli stessi sintomi della cistite? Sapevi che le cause della cistite non sono sempre un’infezione delle urine, sebbene i suoi sintomi siano praticamente gli stessi? Continua a leggere il post, se vuoi conoscere i diversi tipi di cistite che esistono, le possibili cause che le originano, come prevenirle e le cure che puoi ricevere.

Cos’è la cistite? Come è correlata all’infezione delle urine?

Se sei una donna e stai leggendo questo post, saprai perfettamente cosa intendiamo quando parliamo di cistite. Quale madre non ha ripetuto alla figlia fino alla nausea: “Non sederti per terra che ti verrà la cistite!“? In quella frase c’è una mezza verità. Più che al contatto con una superficie fredda, la propensione alla cistite nelle donne e nelle ragazze è principalmente dovuta al fatto che il canale uretrale è molto più corto nel caso delle donne (25-50 mm) rispetto alle donne.quello degli uomini (15 cm ), con cui le probabilità che un microbo, un batterio, raggiunga la vescica sono molto più alte che nel caso degli uomini. 

Il termine cistite si riferisce al rigonfiamento di un organo e in questo caso si riferisce specificamente all’infiammazione della vescica urinaria. Cioè, una cistite non è né più né meno che un’infiammazione della vescica urinaria.

Tipi di infezione delle urine

Cosa provoca l’irritazione e l’infiammazione della vescica urinaria? Di seguito riportiamo le cause più comuni:

Cistiti dopo rapporti sessuali

  • Cistite batterica o cistite causata da un’infezione

Il motivo più frequente che provoca l’infiammazione della vescica urinaria e quindi l’infezione delle urine, sono le infezioni causate dalla presenza di microbi, principalmente batteri come il famoso E. coli, presente nell’intestino, in qualsiasi organo delle vie urinarie, cioè, vescica, uretra, ureteri o reni.

Principali cause:

Fare il bagno o venire a contatto con superfici o acque in cui sono presenti questi microrganismi, acqua stagnante, contaminata, ecc. può portare alla comparsa di infezioni urinarie. Un trasferimento di batteri dall’ano alla vagina durante il rapporto sessuale. Il contatto delle feci con l’uretra causato da un’incontinenza anale o fecale. Qualsiasi motivo che impedisca il completo svuotamento della vescica o produca ritenzione urinaria, rendendo impossibile la corretta eliminazione dei microrganismi presenti nelle urine: un cistocele o prolasso vescicale, un prolasso uterino, l’errato posizionamento di un diaframma, ecc. Tutti questi casi possono aiutare l’infezione delle urine.

Non solo infezioni batteriche

Nonostante questi siano i motivi più frequenti, la cistite non è sempre causata da un’infezione batterica e, sebbene i sintomi siano generalmente praticamente gli stessi, devono essere correttamente diagnosticati per facilitare l’accesso al trattamento più appropriato per ciascuno caso.

  • Cistite causata dall’alterazione della flora vaginale

L’ecosistema vaginale o microbiota è costituito da una serie di microrganismi viventi, principalmente lattobacilli, che risiedono e garantiscono l’equilibrio e la salute della vagina. Questa flora vaginale blocca l’ingresso di microbi e altri microrganismi patogeni e aiuta la loro eliminazione attraverso la produzione di sostanze antimicrobiche. Quando questa flora viene eliminata o alterata, ad esempio, quando ci sottoponiamo a un trattamento con antibiotici, lasciamo la nostra vagina priva delle sue difese naturali e molto vulnerabile all’ingresso di microbi e altri agenti patogeni, e quindi vulnerabile alle infezioni urinarie.

  • Cistite causata da cambiamenti ormonali e/o anatomici

La menopausa o la gravidanza sono momenti in cui cambia il pH vaginale e i livelli di alcuni ormoni, come il progesterone in gravidanza o gli estrogeni in menopausa. Questa alterazione dell’equilibrio vaginale provoca una diminuzione del livello di protezione che questo ecosistema offre in circostanze normali a causa dei cambiamenti prodotti nella qualità dei tessuti, della diminuzione del livello di lubrificazione, della variazione del pH, ecc. Durante la gravidanza, inoltre, nel corpo della donna si verificano una serie di cambiamenti anatomici che renderanno difficile l’eliminazione dell’urina e possono persino causare ritenzione di urina. Queste circostanze, come l’aumento del numero di minzioni che si verificano durante il giorno e anche di notte a causa del maggior peso e pressione sulla vescica o su l’uretra, o l’ostruzione degli ureteri a causa dell’aumento di volume dell’utero, favorire la comparsa di cistiti o infezioni urinarie.

  • Cistite causata dalla reazione al contatto con corpi estranei, materiali non ipoallergenici e sostanze chimiche

L’uso prolungato di un catetere, l’uso di spermicidi, alcune sostanze chimiche presenti in prodotti per l’igiene non adatti all’igiene intima (deodoranti intimi , sali da bagno, saponi per bagnoschiuma, coppette mestruali in materiali non ipoallergenici, ecc.) possono aumentare le possibilità di irritazione e infiammazione degli organi del tratto urinario. In questo modo, è più probabile la comparsa di infezioni urinarie.

Cistiti dopo rapporti sessuali, le soluzioni ci sono! Chiama Fisioterapiadonna.it per maggiori informazioni. Contattaci al 3939054502!

Ragioni per cui il sesso può causare la cistite

Un gran numero di donne soffre di “cistite postcoitale” su base ricorrente. Le caratteristiche del sistema riproduttivo femminile sono la ragione per cui di solito si sviluppa questo tipo di infezione. La vicinanza dell’apertura vaginale e dell’ano, aggiunta all’uretra corta, permette a molti batteri di passare nelle parti interne del sistema urinario.

Sesso di coppia

Il rapporto con penetrazione vaginale può portare alla cistite perché l’attrito durante il sesso, spesso irrita l’apertura dell’uretra. Quando il rapporto è ripetuto e intenso, può generare un’infiammazione della mucosa, che rende queste zone suscettibili all’attacco di batteri. Oltre a ciò, se non vengono prese le dovute precauzioni, può verificarsi un caso di contaminazione fecale nella zona intima e urinaria, dovuta al contatto del membro maschile con la zona rettale della donna.

Cosa può fare la fisioterapia per le cistiti

Se soffri di un’infezione urinaria ricorrente, dovresti fare una valutazione del pavimento pelvico con un fisioterapista. Questa infezione urinaria, come abbiamo visto, può essere originata dalla ritenzione di urina o da un errato svuotamento della vescica causato da un prolasso, ipotonia o debolezza dei muscoli del pavimento pelvico. Inoltre, può trattarsi di ipertonia o altre disfunzioni del pavimento pelvico che rispondono in modo molto positivo al trattamento con fisioterapia specializzata.

Il Pavimento Pelvico

I muscoli, i tendini e i legamenti che compongono il pavimento pelvico svolgono diverse funzioni importanti e possono contribuire al dolore, all’urgenza o alla disfunzione sessuale. Il trattamento previsto dal piano di riabilitazione del pavimento pelvico dipenderà dai risultati della valutazione iniziale. La lesione o condizione verrà valutata durante un esame approfondito e il fisioterapista qualificato sviluppa e discute un piano di trattamento che risponderà alle tue esigenze specifiche. Ciò include in genere l’istruzione sulla tua condizione, la terapia pratica, gli esercizi e le strategie che puoi utilizzare a casa per ridurre ed eliminare i sintomi. I trattamenti fisioterapici sono rivolti a:

  • Facilitare lo svuotamento completo della vescica.
  • Rieducare la stitichezza.
  • Riattivare la chiusura vulvo-vaginale.
  • Migliora il trofismo vaginale e il pH nelle donne in menopausa.
  • Ripristina la flora vaginale e intestinale.

Conclusioni

Il nostro team di fisioterapia è dotato di tutte le risorse necessarie per il trattamento delle forme di dolore pelvico. L’argomento cistiti dopo rapporti sessuali, è uno dei più consueti. In molti casi, i nostri metodi di trattamento possono aiutare a fornire sollievo e recupero per questo tipo di problemi, spesso non affrontato come si dovrebbe e che si trascina per mesi o addirittura anni. Se il dolore pelvico ti sta limitando, fissa oggi un appuntamento presso FisioterapiaDonna.it.

Contattaci al 3939054502! Inizia il tuo viaggio verso un sollievo duraturo!

Seguici anche su Facebook

Telefono
Whatsapp
Email