Attività fisica e diminuzione dei rischi cardiovascolari e metabolici

by

Sappiamo che curare il fisico, con una sana attività motoria, è una cosa positiva ma perché? Attività fisica e diminuzione dei rischi cardiovascolari e metabolici, oggi parleremo di questo argomento e ci occuperemo di approfondire questi aspetti!

Attività fisica e diminuzione dei rischi cardiovascolari e metabolici

Che cos’è l’attività fisica e in che cosa differiscono “attività fisica”, “esercizio” e “forma fisica”?

L’attività fisica è qualsiasi movimento corporeo prodotto dai muscoli scheletrici che si traduce in un dispendio energetico. L’esercizio fisico è un’attività strutturata e tende ad avere il fitness come obiettivo. La forma fisica è qualcosa che acquisisci: una caratteristica o un attributo che si può ottenere essendo fisicamente attivi.

Ora sappiamo che tutti i tipi di attività fisica possono produrre notevoli benefici per la salute. Non è necessario raggiungere un alto livello di forma fisica per ottenere benefici per la salute.

Qual è la connessione tra attività fisica e le malattie cardiovascolari (CVD)?

L’attività fisica regolare o l’idoneità cardiorespiratoria riducono il rischio di mortalità per malattie cardiovascolari in generale e di mortalità per malattie coronariche in particolare. L’entità della diminuzione del rischio di malattia coronarica attribuibile all’attività fisica regolare è simile a quella di altri fattori dello stile di vita, come l’astensione dal consumo di tabacco.

L’attività fisica regolare previene o ritarda lo sviluppo della pressione alta e l’esercizio riduce la pressione sanguigna nelle persone con ipertensione. L’attività fisica può anche abbassare i livelli di colesterolo nel sangue che quindi riducono il rischio di sviluppare CVD.

Quali sono i benefici dell’attività fisica?

  • Riduce il rischio di morte prematura.
  • Aiuta a controllare il peso e i livelli di glucosio nel sangue per le persone con diabete oltre che la pressione sanguigna.
  • Aiuta a controllare i livelli di colesterolo nel sangue aumentando i livelli di colesterolo HDL (HDL-C). Ricorda, l’HDL-C è stato chiamato colesterolo “buono”. Questo perché la ricerca ha dimostrato che alti livelli di HDL-C sono collegati a un minor rischio di malattia coronarica.
  • Serve a costruire ossa, muscoli e articolazioni sani (previene l’osteoporosi).
  • Riduce i sentimenti di depressione e ansia.
  • Riduce il rischio di cancro al colon.
  • Aiuta gli anziani a diventare più forti e più in grado di muoversi senza cadere.
  • Migliora la circolazione sanguigna in tutto il corpo. Il cuore, i polmoni e altri organi e muscoli lavorano insieme in modo più efficace.
  • Migliora la capacità del tuo corpo di utilizzare l’ossigeno e fornire l’energia necessaria per il movimento.
  • Promuove il benessere psicologico.
  • Può aiutare i fumatori a ridurre o smettere di fumare.

L’inattività fisica è un problema di salute pubblica?

Sì, indubbiamente se la popolazione Italiana fosse più in “forma”, ne gioverebbe e di molto anche il sistema sanitario. Avere una percentuale del 42% di persone sovrappeso, causa molti ricoveri che, in parte, sono dovuti proprio a questo. Nel mondo ci sono 800 mln di persone obese. In Italia come anticipato sono il 42,4% degli adulti sono in eccesso ponderale, il 31,6% in sovrappeso e 10,8% obesi! In genere le fasce più colpite sono le persone con un basso reddito e un’istruzione carente. 

Attività fisica e diminuzione dei rischi cardiovascolari e metabolici, un argomento che Fisioterapiadonna.it conosce a fondo!

Vuoi una consulenza per il tuo caso specifico? Chiama adesso il numero 3939054502!

Quanta attività fisica è sufficiente per prevenire le malattie e promuovere una buona salute? 

Attività fisica e diminuzione dei rischi cardiovascolari e metabolici

L’attività fisica è un’attività che non richiede nulla, per essere messa in pratica e che è efficace per avere una vita più sana. Le attuali raccomandazioni si concentrano su un approccio stile di vita per aumentare l’attività fisica.

Ogni adulto dovrebbe ritagliarsi almeno 30 minuti o più di attività fisica d’intensità moderata nel corso della settimana. Un’attività fisica moderata include camminare a passo svelto, salire le scale, spendere più energia nelle attività della casa e del giardino e impegnarsi in attività ricreative attive. Attività come una camminata veloce, una corsa, il ciclismo, il nuoto o le lezioni di aerobica sono ideali per aumentare l’allenamento.

Tuttavia anche intensificare le attività quotidiane, modificando le abitudini, per aumentare l’attività fisica come suggerito è ugualmente efficace! Entrambi gli approcci sono vantaggiosi per una persona inattiva e gli interessi e le opportunità individuali dovrebbero determinare qual è il più fattibile e a quale siete più predisposti!

Chi dovrebbe consultare un medico prima di iniziare un programma di attività fisica?

I rischi per la salute associati a uno stile di vita sedentario superano di gran lunga i rischi associati all’essere attivi. La maggior parte degli adulti di qualsiasi età può iniziare un programma di attività moderata, come camminare, senza valutazione medica.

Solo quelli con malattie cardiovascolari note, o coloro che hanno avuto un evento cardiovascolare importante come infarto, ictus o intervento chirurgico al cuore, richiederanno una valutazione dal proprio medico prima di intraprendere un programma di attività fisica moderata.

Una precisazione!

Gli uomini inattivi di età superiore ai 40 anni, le donne di età superiore ai 50 anni e le persone ad alto rischio di CVD, dovrebbero consultare un medico, prima di intraprendere un programma di attività fisica a cui non sono abituati.

Altre persone che dovrebbero consultare un medico prima di impegnarsi in attività faticose sono quelle che fanno uso di tabacco o hanno due o più fattori di rischio per malattie cardiovascolari (tra cui ipertensione, colesterolo alto, storia familiare di malattie cardiache o diabete).

Sarebbe prudente per le persone con patologie ossee degenerative, o per le persone di mezza età e anziane che intendono intraprendere un programma di attività fisica vigorosa, ottenere sempre il benestare di un medico.

Conclusioni

Poiché il tempo sembra essere l’ostacolo principale a uno stile di vita attivo è importante imporsi, durante la settimana, uno o più giorni per fare attività fisica.

Non solo, l’attività fisica deve far parte del quotidiano (in cantiere, a casa e parte delle attività familiari). Possiamo adottare dei piccoli escamotage per fare più movimento anche nel quotidiano. Ad esempio: parcheggiando più lontano, utilizzando le scale, incoraggiando pause per passeggiate, attività, ecc.

Se volete iniziare un programma su misura di attività fisica e diminuzione dei rischi cardiovascolari e metabolici, in tutta sicurezza e sotto la supervisione di personale qualificato, Fisioterapiadonna può essere la scelta giusta!

Se desiderate saperne di più, potete contattarci direttamente al 3939054502 o inoltrare una mail a dvcgiusi224@gmail.com con le vostre richieste, faremo il possibile fornirvi le risposte che cercate.

Seguici anche su Facebook

Telefono
Whatsapp
Email